31 gennaio 2016

ONDE LETALI.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
di Corrado Malanga

Accertati i devastanti effetti dell’esposizione EMF sull’essere umano. La loro influenza, sulla Pineale e sulla melatonina, ancora negata dalla scienza ufficiale
L’ecologia è di moda e le forze politiche si mettono in gioco per dire la loro, eleggendola, in alcuni casi, a cavallo di battaglia per accaparrarsi voti, facendo leva sulle paure della gente, paure dell’inquinamento, o dello smaltimento dei rifiuti tossici, ad esempio. Rifiuti, un sottoprodotto della produzione che invade il mondo e a farne le spese sono tutte le classi sociali. Nessun imprenditore o banchiere costruirà la sua villa vicino ad una discarica, né permetterà, con i suoi appoggi politici, che ciò mai avvenga, al contrario di quello che accade in molti comuni della penisola dove, in cambio di vantaggi di dubbia consistenza, si accetta di convivere con la spazzatura delle grandi città. È però altresì vero che non è l’inquinamento che si vede quello più pericoloso. Ne esistono forme estremamente subdole, pur sempre sottoprodotti della civiltà industriale e consumistica.Che il numero di malati di cancro aumenti giornalmente non è un mistero e qualcuno, o qualcosa, deve essere responsabile di questo oggettivo dato di fatto. Gli interessi politici, industriali, di mercato e della gente comune percorrono in questa ricerca di chiarimenti, strade diverse. Un esempio per tutti. Si dice che l’inquinamento da campi elettromagnetici (EMF) sia un problema di una certa gravità, ma le notizie che ci vengono propinate in proposito sono le più confuse possibile. Insospettisce che alcune case costruttrici di telefoni cellulari – sulla cui nocività il dibattito è aperto – consiglino di non farne uso per più di un quarto d’ora al giorno. Supponendo che al produttore non interessi la nostra bolletta telefonica, quanto piuttosto la nostra salute, non si capisce l’invito ad un uso non prolungato del cellulare se tale apparecchio non è nocivo. Ci si consenta di dubitare che l’industria delle telefonia mobile abbia a cuore il nostro bene fisico, quanto la nostra capacità d’acquisto, ridotta a zero se siamo crepati di tumore. Cosa c’è dietro tutto ciò?                                                                                                                                                                                                                                                                
FRA I DISTURBI, INSONNIA E LETARGIA
Una ricerca di letteratura ci ha consentito di verificare qualcosa sull’inquinamento da onde elettromagnetiche ed affini. Partiti decisamente scettici, pensando si trattasse di una montatura dei media, ci siamo dovuti ricredere. La ricerca, via internet, ha riempito due megabyte di memoria nel nostro computer solo con i titoli di articoli scientifici pubblicati negli ultimi anni riguardo gli effetti di campi elettromagnetici su sistemi biologici (piante, animali superiori e inferiori e uomo). I risultati smentiscono recisamente che non ci siano ancora dati sufficienti per sapere se i campi elettromagnetici facciano bene o male o comunque interagiscano con noi. Gli effetti sono pressoché infiniti, reali e devastanti.
Tralasciamo per brevità gli innumerevoli esperimenti che vengono effettuati sugli animali e sulle piante e parliamo subito della razza umana.
Le esposizioni a campi elettromagnetici producono stati di percezione alterata, insorgenza di tumori, disturbi della visione e della percezione in generale, gravi problemi alla pelle, fenomeni di insonnia o di letargia, incapacità di orientamento, visione di esperienze irreali paragonabili alla somministrazione di farmaci droganti, incidenze di aborto su donne incinte, analgesia (incapacità di sentire lo stimolo del dolore) in alcune parti del corpo, e il missing time, cioè perdite di memoria.     
LA PINEALE E LA RANA
La componente magnetica della radiazione sembra essere quella più pericolosa. Quella elettrica è più percepibile e quindi evitabile: prendere la scossa infatti non piace a nessuno. Il campo magnetico invece è più subdolo. Non si vede, soprattutto se è di minor intensità, ma agisce direttamente su una ghiandola del nostro cervello, la Pineale (epifisi).
Per capire meglio i sistemi biologici evoluti, la fisiologia ci viene incontro con il banale esempio della rana. Questo anfibio ha un cervello semitrasparente alla luce solare, ciò gli consente di far giungere i fotoni, la luce del Sole, alla ghiandola pineale che, essendo sensibile alla radiazione elettromagnetica, regola il ciclo circadiano dell’animale. In parole povere, la rana sa quando deve dormire e quando svegliarsi perché sente la lunghezza del giorno dalla conta dei fotoni svolta dalla sua pineale. Negli uomini questo effetto non c’è e lo stimolo viene dato alla pineale dal nervo ottico. Ad occhi aperti la luce passa, mentre ad occhi chiusi o nel buio, l’uomo pensa che deve dormire e si rilassa. Ciò che conta nell’uomo è che la pineale, tramite lo stimolo visivo, regola l’emissione di serotonina che, grazie all’enzima serotonina deacetilasi, si trasforma in melatonina.

MELATONINA E PERCEZIONE ALTERATA
La melatonina – ormone naturale di basso costo, fino a qualche tempo fa invendibile in Italia – da un lato fa parte del cocktail antitumore di Di Bella e serve per regolare il ciclo circadiano nell’uomo, dall’altro produce, se in dosi errate, una serie di malfunzionamenti di tutto il cervello umano. Dalla melatonina infatti dipendono reazioni chimiche che conducono all’alterazione di una vasta gamma di ormoni naturali in grado poi di alterare il chimismo dell’intero corpo umano. I risultati sono disastrosi quanto ancora incomprensibili. La melatonina ha la stessa struttura dell’acido lisergico o della N,N dimetiltriptammina e di una serie di alcaloidi dell’indolo ed oppiacei di varia natura. Il mescal dei Mescaleros o il fungo pejote produrrebbero gli stessi effetti di molecole di quel tipo. La concentrazione di melatonina dunque influirebbe non solo sullo stato di salute generale, ma produrrebbe stati di percezione alterata o allargata. Oggi è noto che irraggiando con campi magnetici la ghiandola pineale questa si mette in movimento e si alterano i contenuti di melatonina con le conseguenze appena viste. Non si tratta di sole ipotesi. Floriano Papi e altri ricercatori dell’Università di Pisa, ad esempio, su “Bioelectromagnetics” del 1995, pagina 295, mettono in evidenza come alcuni esseri umani sottoposti ad un campo magnetico oscillante abbiano perso la sensazione dolorosa in alcune parti del corpo, tra cui i denti.
Lo stesso gruppo di ricerca ha dimostrato, in accordo con altri scienziati, che campi magnetici producono nei piccioni effetti di disorientamento simili a quelli ottenuti con la somministrazione di oppiacei (F. Papi ed altri, J. Exp. Biol., 166, 169, 1992). Alterazioni emozionali vengono altresì prodotte con campi magnetici (Anim. Behav., 52, 33, 1996). La NASA ovviamente sta studiando gli effetti della melatonina in alcuni volontari, come risulta da un articolo pubblicato su “Mini Mitter Newsletter” 1, 1998. Alcune aziende produttrici di microchips vorrebbero farci credere di studiare il rapporto tra melatonina e campi magnetici innestandoci questi aggeggi nell’ipofisi, passando attraverso la narice destra del nostro setto nasale. La tecnica, che fa uso di nuove metodologie, si chiama biotelemetria e sarà oggetto di un nostro futuro articolo.

FREQUENZE E FORMICHE
Non sarebbe dunque il campo magnetico vero e proprio a produrre effetti strani, ma l’alterazione di contenuto di melatonina che questo produrrebbe. Perché allora scienziati benpensanti ne sostengono la non pericolosità e affermano che gli esperimenti non sono probatori in quanto non ripetibili? Dal canto nostro, come ricercatori chimici, ci siamo accorti che la ripetibilità degli esperimenti e quindi degli effetti sarebbe principalmente imputabile ad un parametro, non ancora preso in considerazione, costituito dalla frequenza del campo magnetico pulsato utilizzato. Non sarebbe la potenza del campo magnetico – che al massimo stabilisce la quantità dell’effetto – ma la frequenza del campo impiegato a stabilire che tipo di effetto può produrre sul nostro cervello.
Evidentemente, dunque, non solo alcune conseguenze di campi EM sarebbero devastanti e negative, ma se ne potrebbero verificare persino di positive, legate a guarigioni da particolari patologie. La melatonina, infatti, sembra in grado di essere prodotta dal corpo umano anche in particolari stati di concentrazione nervosa, sotto controllo di diete particolari e di forti emozioni. È forse la melatonina la principale responsabile delle guarigioni miracolose? “Non ringraziare me…è la tua fede che ti ha guarito…” dice Gesù più di una volta nel Nuovo Testamento.
Osservando delle formiche che, in fila indiana, ad un certo punto della loro marcia, si sono sensibilmente staccate dal muro che seguivano con tanta dovizia per poi, dopo aver fatto pochi centimetri, riavvicinarvisi nuovamente, ho notato che in realtà si allontanavano da un cavo dell’alta tensione agganciato al muro e una rapida misurazione con un apposito apparecchietto mi ha dimostrato che le formiche accusavano la presenza di un piccolo campo magnetico inferiore a 0,01mTesla. Altre prove svolte nelle vicinanze mi hanno confermato questa interessante osservazione, che pare non sia stata riportata da alcuna pubblicazione scientifica. Questo mi ha dato la certezza del perché le formiche c’erano prima della comparsa dell’uomo sulla Terra e, se continua così, perché ci saranno anche quando l’uomo sarà scomparso.

                                                                                                                                                                                                             



macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

30 gennaio 2016

EX PILOTA COMMERCIALE SI UNISCE ALLA LOTTA PER FERMARE LA GEOINGEGNERIA.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Dane Wigington 



Come potrebbe il cancro della distruzione e della follia che sta lacerando il nostro pianeta  crescere e diffondersi così incredibilmente? 

Perché ci sono così tante persone nel "sistema" che si sono da tempo vendute la loro moralità e onore per uno stipendio e una pensione. 
Per fortuna, ci sono eccezioni a questa regola che stanno facendo sentire la loro voce. 

Quando professionisti credibili parlano del corso della follia della ingegneria del clima, la gente ascolta. L'ex pilota di linea commerciale, Willem Felderhof, ha da tempo dimostrato coraggio nel fare sentire la sua voce nella battaglia sulla esposizione  dei piloti all'aria tossica l'interno delle cabine degli aerei 

Willem contribuisce anche a dare l'allarme nella lotta per  fermare la geoingegneria globale, la sua testimonianza è qui sotto. 
La mia più sincera gratitudine a Willem Felderhof per la sua dedizione alla lotta per il bene comune.
geoengineeringwatch.org


Coraggioso ex pilota commerciale si unisce alla lotta per fermare la Geoingegneria
 Willem Felderhof
 geoengineeringwatch.org

Il mio nome è Willem Felderhof e come un ex pilota di  linea commerciale il problema della geoingegneria e modificazione del clima ha tutta la mia attenzione. Mi ci è voluto un po di tempo,  prima ho "visto" che c'era qualcosa di completamente sbagliato nel "ufficio".

Nel 2009 ho ricevuto una e-mail di un amico che ha chiesto la mia opinione sul fenomeno "scie chimiche". E con la mente aperta gli ho risposto che, a parte le motivazioni che stanno dietro questi programmi, visto dalla mia prospettiva, con esperienza (10.000+ ore di volo) e conoscenza tecnica di aerei commerciali, avevo molti dubbi circa l'esistenza di questi programmi. Ma da quel momento ho iniziato a fare più ricerca e cosa più importante ho iniziato ad analizzare i cieli con più consapevolezza. 

Non mi ci è voluto molto prima che i paraocchi cadessero dai miei occhi. Ero soprattutto scioccato dal fatto che non vi era alcuna rivolta nell'ambito dei piloti e dei meteorologi il cui compito è quello di osservare, analizzare, studiare e anticipare i fenomeni meteo come la formazione di nubi, struttura e dinamica.

Cieli Geoingegnerizzati sono ormai la norma in tutto il mondo 


Ma, d'altra parte, a causa della mia storia personale come informatore, in una battaglia che dura da 10 anni contro l'industria aerea che sparge gli elementi tossici dell'aria con gli aerei, mi sono familiari sia le dinamiche che i meccanismi per cui vengono eseguiti. Non mi sorprendo neanche più. E dal momento che i piloti hanno spesso un grande ego, la paura di essere etichettati come  "teorici della cospirazione" e di essere messo fuori dal gruppo ha più alta priorità che il futuro dei nostri figli e / o della Madre Terra.


Gli ugelli sono chiaramente visibili montati sul pilone direttamente dietro il flusso dello scarico dei motori a reazione

Penso, che chiunque abbia fatto una ricerca approfondita sul tema della geoingegneria, capisce quale minaccia diretta e imminente sia, per il futuro dell'umanità e / o del pianeta stesso. 
E realizzando questo fatto, i nostri obiettivi individuali per la prosperità e la felicità personale possono essere parcheggiate da un lato. E' il momento di risvegliare il guerriero interiore, ADESSO, e cominciare ad agire con il fine di fermare la pazzia sul posto di lavoro. 
 C'è una guerra multidimensionale in corso contro l'umanità e la Madre Terra, é la geoingegneria , è un'arma a più strati di distruzione di massa, in questa guerra.  Non solo, i programmi di geoingegneria e modificazione del clima sono utilizzati dai poteri forti per creare un solido quadro giuridico per la creazione di un unico governo mondiale
La buona notizia è che gli psicopatici al potere sono in preda al panico e questo è il motivo per cui stanno spingendo il loro ordine del giorno in overdrive. 
E per questo, i loro patetici programmi diventano più palesemente visibili per chi è disposto a vederli. 
L'attuale aumento di programmi altamente tossici come i programmi di geoingegneria e modificazione del clima sono in realtà una spinta per il risveglio globale. 
E  l'architetto del Nuovo Ordine Mondiale Zbigniew Brzezinski ha dichiarato, questo risveglio politico globale è la più grande minaccia per le strutture di potere globali e la loro agenda folle nei confronti dominio dello spettro completo
Questo risveglio globale non solo ci offre la possibilità di proteggerci contro questi attacchi feroci (che pubblicherò in un articolo molto presto, spiegando i modi per proteggersi da questi attacchi in maniera potente), più importante; 
ci costringe a prendere provvedimenti immediati per fermare e invertire questa follia. 
Una delle iniziative per contenere quelli che hanno cariche pubbliche, dovranno rendere conto dell'abuso d'ufficio nell'uso della politica, che sono una diretta minaccia alla sicurezza nazionale e internazionale.



Le coperte di polveri aerosol da geoingegneria altamente tossiche si stanno diffondendo in tutto il mondo, sia sulla massa della terra che sugli oceani

Per quanto riguarda la geoingegneria, la gente mi chiede spesso cosa possono fare su questo. Semplice: fare ricerca, per quanto è possibile, diventare consapevoli e più importante: agire su di esso! 

 A livello individuale sto preparando una presentazione sulla geoingegneria / SRM / meteo di guerra e di radiazione elettromagnetica e come diffondere questi programmi di lavoro in collaborazione con l'altro. Poi mi limiterò a viaggiare in Europa. Non ho alcuna idea di dove andremmo a finire, ma si creerà di sicuro il giusto slancio salvifico della causa.  
 Oltre a questo sono occupato nella creazione di un quadro giuridico in Europa per avviare un'azione legale. Per questo sto cercando persone che sono disposte a prendere posizione attiva in questa lotta contro la geoingegneria.  
 Siete più che benvenuti a partecipare e assumere un ruolo attivo in questa battaglia cruciale. Soprattutto le persone hanno conoscenza del diritto europeo, i piloti, e meteorologi sono i benvenuti.
Ma ancora una volta, è necessario nessuno. Dobbiamo unire le forze ORA.  
 E' ridicolo perdere altro tempo prima di iniziare a salvare il futuro dei nostri figli e il nostro bellissimo pianeta Terra.
Vi prego di contattarmi per ulteriori informazioni su ciò che si può fare e come aiutare le nostre strategie nella lotta contro la geoingegneria in Europa.  
 Non dimenticarti, la lotta, è ora o mai più! 

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

28 gennaio 2016

GRANDE GELO E... H.A.A.R.P

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti


Il grande gelo. Quali sono le reali cause? Per quale motivo i media di regime parlano di correnti fredde dalla Siberia e cioè dal lato opposto del globo? Forse non vogliono dover parlare di questa anomalia? Top secret? Sicuramente, così come spiega il Dottor Broocks Ednew, sono i riscaldatori ionosferici la causa dello smembramento e conseguente biforcazione delle Jet Streams. Leggiamo che cosa dice Ednew:
"H.A.A.R.P. viene sfruttato per le mutazioni atmosferiche. I rapporti del'esercito lo dimostrano, il Pentagono lo ammette nei documenti ufficiali, eppure smentisce il suo reale utilizzo all'opinione pubblica".
Il Dottor Broocks Ednew studia i raggi E.L.F. da oltre trent'anni ed è convinto che gli effetti di H.A.A.R.P. sulla ionosfera influiscano sui cambiamenti climatici.

Broocks Ednew: "H.A.A.R.P. non influisce sulle correnti a getto direttamente, main modo indiretto. Se la ionosfera si espande nello spazio, la stratosfera sottostante ad essa deve modificarsi per colmare quel vuoto e modificandosi devia il corso delle correnti a getto di migliaia di chilometri, alterando gli spostamenti dell'acqua nell'atmosfera".

H.A.A.R.P. è solo uno dei numerosi trasmettitori di onde E.L.F. installati in tutto il mondo. Solo gli Stati Uniti ne contano tre: uno a Gakona ed uno vicino a Fairbanks, in Alaska ed un altro ad Arecibo, in Puerto Rico. La Russia ne ha installato uno a Vasir Surks, nei pressi di Nižni Novgorod e l'Unione Europea nei dintorni di Tromso, in Norvegia. Sfruttando un'azione congiunta questi trasmettitori sono potenzialmente in grado di alterare il clima di qualunque area del pianeta, modificando radicalmente la traiettoria delle correnti a getto ed innescando temporali catastrofici o tremende siccità. Il riscaldamento dell'atmosfera potrebbe persino cambiare l'epicentro degli uragani e creare delle cupole di alta pressione in grado di deviarne il corso.

Il governo statunitense è fermo sulle sue posizioni e ribadisce che H.A.A.R.P. è semplicemente una struttura per la ricerca meteorologica, ma è forse un caso che dalla sua attivazione gli esperti abbiano registrato bizzare anomalie climatiche, tra cui massicce inondazioni, uragani e terremoti?


macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

Ucraina: Virus letale made in Usa.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Nel bel mezzo del cosiddetto "cessate il fuoco" in Ucraina, i bombardamenti ancora continuano  in molte regioni, come scrive la Donbass news agency, che denuncia anche che più di 20 soldati ucraini sono morti e oltre 200 sono ricoverati in ospedale per un virus mortale chiamato "California Flu",apparentemente diffusosi da un laboratorio USA nei pressi della città di Kharkov.
Donbass News International reports
Più di 20 soldati ucraini sono morti e oltre 200 sono stati ricoverati in ospedale in un breve periodo di tempo a causa di un nuovo virus letale, che risulta immune a qualsiasi medicinale.
L'intelligence della Repubblica popolare di Donetsk ha denunciato che un virus - il Californian Flu - si è diffuso dallo stesso luogo in cui erano state effettuate delle ricerche sullo stesso virus.
Il laboratorio si trova vicino alla città di Kharkov e alla base degli esperti militari USA.
Il Vice-Comandante dell'esercito di Donetsk Army, Eduard Basurin, informa sui rischi epidemici di questo virus. 
Di fuga di un virus letale in Ucraina si era scritto  per la prima volta il 12.1.2016:
"Secondo il personale medico dell'unità  AFU (truppe ucraine) tra il personale militare ucraino attualmente sul campo si è registrata una quantità record di malattie.
I medici hanno registrato che il virus sconosciuto produce dei sintomi di febbre alta che non può essere controllata con nessun medicinale e che nel giro di due giorni può portare ad effetti letali.
Finora per effetto di questo virus sono morte più di 20 persone in servizio,  cosa che è stata accuratamente tenuta nascosta - per evitare qualsiasi pubblicità - da parte del comando AFU " ha dichiarato Basurin nel suo rapporto giornaliero sulla situazione.
Il focolaio del virus mortale continua secondo la nota del 22.1.2016 del Vice-Commander sull'epidemia :
"Continuiamo a registrare fatti nuovi che  dimostrano un aumento di epidemie con infezioni respiratorie acute tra i militari ucraini. Solo dall'inizio di questa settimana oltre 200 militari ucraini sono stati portati negli ospedali civili e militari di Kharkov e di Dnepropetrovsk. E' importante ribadire che l'intelligence della DPR aveva già riferito in precedenza su ricerche in corso in un laboratorio privato in località Shelkostantsiya, a 30 km dalla città di Kharkov, con il coinvolgimento di esperti militari degli Stati Uniti. Secondo le nostre informazioni, è da quests località che si è propagato il micidiale ceppo influenzale californiano" ha detto Basurin.

Sembra non siano solo i militari ad essere colpiti da questa influenza, come riporta Radio Free Europe si tratta di una epidemia influenzale che si sta diffondendo per tutta la città di Kramatorsk in Ucraina orientale - e il conflitto latente rende la situazione ancora più pesante. I medici non sono in grado di identificare il ceppo esatto del virus, perché il laboratorio di cui avrebbero bisogno per le analisi si trova oltre le linee del fronte separatista controllato da Donetsk
Fonte: http://www.zerohedge.com/ Tradotto da e pubblicato da Comedonchisciotte.org

 
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

23 gennaio 2016

PFAS: inquinanti ambientali persistenti e distruttori endocrini.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
I composti perfluoroalchilici (PFAS) sono molecole artificiali che non esistono in natura e sono un sottogruppo dei composti fluorurati. 
Appartengono a una più vasta categoria che comprende un numero enorme di molecole accomunate dalla proprietà di contenere almeno un atomo di fluoro ma dotate di numerose proprietà chimico-fisiche, spesso diverse fra di loro. 
Nei PFAS tutti gli atomi d’idrogeno legati agli atomi di carbonio sono stati sostituiti da atomi di fluoro. I membri più noti della famiglia dei PFAS sono il PFOS e il PFOA. 
Le principali caratteristiche chimico-fisiche di queste sostanze fluorurate sono la oleo e idrorepellenza, cioè non assorbono acqua, olio o grassi, e sono queste proprietà che li rendono ideali per impermeabilizzare qualsiasi materiale, dai tessuti ai contenitori per alimenti.

I PFAS possiedono dei legami Carbonio-Fluoro molto forti e stabili tali da renderli particolarmente resistenti all’idrolisi, alla fotolisi e alla degradazione microbica.
Questa resistenza spiega alcune delle principali proprietà dei PFAS, tra le quali la tendenza ad accumularsi, a persistere nell’ambiente e la loro capacità di bioaccumularsi. Per questo motivo che non è prevedibile una riduzione dell’entità dell’esposizione umana ai PFAS nel prossimo futuro.
Ho chiesto lumi al dottor Vincenzo Cordiano, medico  responsabile della sezione di Oncoematologia dell’Ospedale di Valdagno (VI). Uno dei primi medici a segnalare il gravissimo problema di queste sostanze, e oggi gestisce il portale www.nopops.it dedicato a tale argomento.

Dove si trovano i PFAS nei prodotti di largo consumo?

I PFAS - assieme ai surfactanti, agli emulsionanti e ai polimeri per la cui sintesi chimica sono essenziali -  sono stati ampiamente utilizzati dagli anni ’50 in numerosi prodotti e applicazioni industriali e commerciali: prodotti per la pulizia di tappeti, pavimenti e detersivi in genere; trattamenti impermeabilizzanti e/o coloranti di pelli e tessuti; come componenti inerti nei pesticidi e insetticidi.Ulteriori impieghi sono la produzione di contenitori di alimenti (ad esempio nei fast food), pellicole fotografiche, shampoo, dentifrici, schiume antincendio, scioline, ritardanti di fiamma in vernici e solventi, cromatura dei metalli e come antidetonante nei carburanti.I PFAS sono quindi utilizzati per la produzione di un numero imprecisato di prodotti di largo consumo, in virtù della stabilità chimica e termica, stabilità che, associata alla sua duplice natura idrofobica e lipofolica, li rende molto utili per la produzione di manufatti e merci particolarmente resistenti. In particolare il PFOA è utilizzato come composto intermedio per la produzione di politetrafluoroetilene (PTFE) o Teflon®, molto noto per le sue proprietà antiaderenti e per la sua inerzia chimica.

Un’altra famosa applicazione è rappresentata dal Gore-Tex®, materiale resistente, impermeabile, caratterizzato da elevata traspirabilità e biocompatibilità, impiegato nella realizzazione di abbigliamento tecnico-sportivo e di articoli medicali e sanitari, come protesi vascolari, valvole cardiache, fili di sutura e in chirurgia estetica. 
Il Gore-Tex® ha trovato ulteriori applicazioni nell’industria aerospaziale (rivestimento delle tute degli astronauti), nella filtrazione industriale (impianti di depurazione) come materiale isolante nella componentistica elettronica, nelle otturazioni dentali e nel filo interdentale. 

I PFAS possono contaminare le falde acquifere o le acque superficiali utilizzate per l'alimentazione umana provenendo da fonti diverse. Oltre che dai siti di produzione (nel Nord Est è la sola Miteni di Trissino a produrli) e di utilizzo (principalmente industrie tessili e conciarie), altre fonti di inquinamento ambientale sono: gli impianti di trattamento dei rifiuti (domestici, urbani, industriali) o quelli smaltimento delle acque di scolo stradali e piovane; le schiume antincendio che rimangono nell’ambiente dopo l’uso; l'applicazione sul suolo agricolo di ammendanti ricavati dal trattamento di reflui fognari urbani, dal biodigestato delle centrali a biomasse  o  da rifiuti industriali contaminati.


Dove si trovano i PFAS nel sangue e nei tessuti animali e umani?

I PFAS sono ormai onnipresenti nell’ambiente, nella flora e nella fauna selvatica e anche negli esseri umani. Sono stati trovati in tutte le specie animali studiate, anche negli orsi polari e nel sangue degli eschimesi.
I risultati pubblicati dimostrano l’assorbimento dei PFAS mediante una o più vie (orale, respiratoria e dermica) sia nell’uomo che negli animali. 
L’assorbimento richiede il trasporto attraverso l’intestino, i polmoni e la cute. Negli esseri umani i PFAS si distribuiscono principalmente nel fegato e nel sangue, ma sono stati anche identificati nel sangue del cordone ombelicale e nel latte materno.
Pertanto i neonati nascono già con la loro dotazione di PFAS (e molte altre sostanze chimiche cancerogene e tossiche), alle quali sono stati esposti fin dal concepimento e prima di nascere.


Come siamo messi in Veneto?

L’Istituto Superiore di Sanità, con la nota 7 giugno 2013 n. 0022264  ("Ritrovamento di sostanze perfluorate nelle acque superficiali e potabili della provincia di Vicenza. Nota del 7 giugno 2013 dell'ISS,” n.d.), pur affermando che allo stato non si configura un rischio immediato per la popolazione esposta, in virtù del principio di precauzione, ravvisò l’opportunità e l’urgenza di adottare misure di mitigazione dei rischi per la salute umana, tra le quali:

a) nel breve periodo, l’adozione di approvvigionamenti alternativi o l’abbattimento delle concentrazioni degli analisi presenti;
b) nel medio-lungo periodo, la rimozione delle fonti di pressione e dell’origine della contaminazione.

Il 18 luglio 2013, la Regione Veneto, protocollo 308045  (“Istituzione  Commissione per valutazione PFAS nelle acque potabili e nelle acque superficiali della provincia di Vicenza e comuni limitrofi. DGR Veneto n.1490 12/8/2013,” n.d.) comunicò di aver avviato una serie di azioni concordate con altre istituzioni “..al fine di garantire la riduzione nell’immediato del potenziale rischio per la popolazione”, fra le quali l’applicazione di filtri a carbone attivo, la chiusura dei pozzi maggiormente contaminati in  numerosi comuni della provincia di Vicenza, il ricorso a fonti di approvvigionamento idrico alternativo.

Le soluzioni finora attuate hanno consentito di ridurre, in qualche comune anche significativamente, le concentrazioni di PFAS nelle acque fornite dagli acquedotti, ma si sono dimostrate sostanzialmente inefficaci. Le rilevazioni ARPAV dimostrano come, soprattutto nel caso dei PFAS a corta catena, le concentrazioni stanno progressivamente aumentando sia perché queste piccole molecole sono scarsamente trattenute dai filtri, sia perché la loro produzione e immissione nell’ambiente è in continuo aumento. Infatti l’industria non ha trovato finora alternative altrettanto valide ed economiche ai PFAS a lunga catena che non siano PFAS di minori dimensioni che, tuttavia, sono dotati delle stesse proprietà di persistenza nell’ambiente, della stessa capacità di bioaccumulo nei tessuti animali e umani e nella flora e fauna selvatica nonché, molto probabilmente della sessa tossicità.


Le autorità regionali non hanno comunque adottato le stesse misure precauzionali attuate per esempio in Germania in un caso di contaminazione delle falde acquifere e della catena alimentare, per esempio il divieto di somministrare acqua potabile contenente più di 500 nanogrammi per litro alle donne in età fertile e ai bambini sotto i tre anni. Il nanogrammo corrisponde al milionesimo di grammo, ad attestare l’estrema pericolosità di queste sostanze che sono tossiche anche in concentrazioni infinitesimali.

Recentemente è stata documentata la presenza dei PFAS in pesci pescati a Creazzo (VI) e in altri campioni di alimenti (carni animali) ortaggi prodotti nelle zone venete contaminate, a  dimostrazione dell’avvenuta contaminazione della catena alimentare veneta. Il 15% circa dei campioni esaminati è risultato positivo per i PFAS. Nei pesci e nelle uova di gallina esaminate sono state riscontrate quantità elevatissime, di gran lunga superiori alla media europea.

I dati ARPAV evidenziano come i PFAS siano presenti nelle falde acquifere di gran parte del territorio Veneto, in tutte  le tranne quella di Belluno. Vedi la mappa che ho preparato


Cosa provocano alla salute di uomini e bambini?

Queste sostanze sono classificate come cancerogene di classe 2b e hanno attività di interferenti endocrini. Cancerogeni di classe 2b significa che sono sicuramente cancerogeni per gli animali e possibilmente per gli uomini. Possibilmente perché i dati disponibili non sono sufficienti per i pochi studi condotti. Servono urgentemente studi. 
La regione veneto  potrebbe condurre uno studio con scarso utilizzo di risorse umane ed economiche, semplicemente pubblicando i dati relativi alla mortalità per le malattie tumorali e per quelle non tumorali che si sospetta siano causate dai PFAS e i dati sull’incidenza di tumori posseduti dal registro tumori del veneto. Ma non c'è la volontà politica di pubblicare questi dati  evidentemente.

Uno studio del genere è stato compiuto dalla sezione ISDE di Vicenza in collaborazione con esperti dell’istituto tumori di Milano e dell’ENEA. 

Semplicemente incrociando i dati relativi alla dichiarazione di morte secondo le schede ISTAT (che ogni medico deve compilare al momento del decesso di ogni suo assistito) con quelli dell’ARAPV relativi alle concentrazioni dei PFAS nelle acque potabili di 21 comuni del Veneto. Lo studio ha evidenziato un eccesso di mortalità negli anni 1980-2010 per diabete, infarto, linfomi ed altre malattie nei comuni con livelli di PFAS superiori a 500 ng/L (Montagnana, Bagnolo di Po, Bonavigo, Bevilacqua, Albaredo D'Adige, Cologna Veneta, Minerbe, Agugliaro, Sarego, Lonigo, Pojana Maggiore, Cartigliano, Casale sul Sile) rispetto a quelli con PFAS uguali a zero. Casualmente, ma non troppo, quasi tutti questi comuni sono compresi nella lista, recentemente pubblicata con delibera 1517 del 29 ottobre dalla regione veneto, dei comuni nelle cui acque potabili le concentrazioni di PFAS permangono oltre i limiti permessi nonostante i provvedimenti adottati.

Per quanto riguarda le conseguenze sulla salute gli effetti tossici più frequentemente osservati sono: la restrizione della crescita fetale (o basso peso alla nascita) che è stata concordemente dimostrata sia negli animali che nell’uomo; alcuni tumori (cancro del rene, della prostata, della mammella, della vescica, linfomi e leucemie); diabete; aumento del colesterolo e sue conseguenze (ictus cerebrale, infarto cardiaco), ipertensione arteriosa, aumento dell’acido urico, colite ulcerosa, malattie della tiroide; riduzione degli spermatozoi nel maschio, infertilità maschile e femminile Per altre malattie come demenza di Alzheimer, morbo di Parkinson i dati sono molto scarsi, ma nello studio di ISDE Vicenza di cui sopra è stato osservato un aumento anche di tali malattie. Un dato molto interessante (e preoccupante se fosse confermato) è il notevole aumento dell’incidenza del cancro della mammella nei maschi, a conferma dell’attività di interferenza endocrina dei PFAS. Il cancro mammario maschile è molto raro ma i tre casi osservati nei comuni ad alta contaminazione di pfas contro nessuno dei comuni non contaminati induce a riflettere sulle possibili disastrose conseguenze derivanti dall’esposizione continua ai PFAS.
Anche per questo invito tutti a partecipare all’indagine epidemiologica on line e a rispondere alle domande del sondaggio
Per farsi un’idea delle domande che vengono poste si può visionare il video https://youtu.be/aomAD8eUHvM
Sarebbe molto gradito anche un contributo finanziario vedi http://buonacausa.org/cause/indagine-epidemiologica-sulle-malattie-da-inquinantin


Marcello Di Pamio

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

19 gennaio 2016

M.U.O.S., NRTF-8. I Rischi!

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Data la potenza del fascio principale di microonde emesso dalle parabole del sistema MUOS, il campo elettromagnetico indotto scenderebbe sotto la soglia di attenzione (6 V/m, secondo la legge italiana) solo oltre i 130 Km dalla base, lungo il fascio principale. Non si possono escludere, però, contributi non trascurabili nelle aree circostanti. A questi va aggiunto il campo indotto dalle antenne elicoidali del sistema MUOS e dalle 46 antenne esistenti. Si rischianoeffetti biologici su esseri umani, flora e fauna in un territorio non limitato alla sola cittadina di Niscemi. Effetti sanitari dovuti alla prolungata esposizione a campi elettromagnetici di tale intensità potrebbero essere, per citarne alcuni, insorgenza di tumori, leucemie, cataratte, riduzione della fertilità, con maggior rischio per i tessuti poco vascolarizzati (più sensibili agli effetti termici). I soggettimaggiormente esposti sarebbero i bambini e gli anziani.
Gli effetti sull'ecosistema della Sughereta e del Bosco di Santo Pietro sono difficili da prevedere ma risulta acclarato che le api, importantissime per il mantenimento dell'equilibrio biologico di tali ecosistemi, sono particolarmente sensibili alla presenza di campi elettromagnetici elevati. Stesso potenziale impatto si avrà anche sul settore agricolo, data l'influenza dei campi elettromagnetici elevati sulle colture.
Il campo elettromagnetico indotto potrebbe interferiregravemente con apparecchiature elettroniche, tra le quali apparecchi medicali come pacemaker, defibrillatori, apparecchi acustici e attrezzature ospedaliere. Il fascio a microonde generato dalle parabole, inoltre, è capace di interferire con la strumentazione di bordo degli aeromobili. Sull'aeroporto di Comiso, prossimo all'apertura, il fascio arriverebbe a 6500 m circa, ben al di sotto della quota di crociera impiegata nell'aviazione civile. Ciò imporrebbe, durante la trasmissione, una no-fly zone nel raggio di circa 35 Km dalla stazione, con conseguenze potenziali anche sul traffico di Fontanarossa, e ricadute negative sul settore turistico, nonché sul diritto alla mobilità dei residenti, specie in uno scenario di crisi internazionale prolungato. Scenario già verificatosi con l'aeroporto Trapani-Birgi durante la recente guerra in Libia.
Potendo passare sopra il Golfo di Gela, è possibile inoltre che il fascio di microonde abbia un impatto sulla migrazione di diverse specie di uccelli. Il Golfo di Gela, infatti, è uno dei tre corridoi migratori della Sicilia.
In ultimo, il mantenimento della pace. Una delle quattro stazioni di terra del più avanzato sistema di comunicazione militare statunitense è istallata a Niscemi. Dovremmo sentirci più sicuri? Ci pare ovvio che la nostra terra diverrà un obiettivo militare sensibile.
Per riassumere, il movimento No MUOS esprime fortissime preoccupazioni riguardo le conseguenze dell'istallazione di tale sistema su: salute umana, ecosistema della Sughereta di Niscemi, qualità dei prodotti agricoli, diritto alla mobilità e allo sviluppo del territorio, diritto alla pace e alla sicurezza del territorio e dei suoi abitanti. Fonte http://nomuos.org/it/index/rischi
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

Tanker Enemy Meteo - Chemtrails forecast meteo: I batteri possono essere responsabili delle grandi...

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Tanker Enemy Meteo - Chemtrails forecast meteo: I batteri possono essere responsabili delle grandi...: Rilanciamo un articolo del 2011 a firma di Alessandro Greco. Il testo, che collega i batteri alle idrometeore (neve, grandine, pioggia), ri...
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

=== Tanker Enemy ====✈: Il Morgellons: le caratteristiche fondamentali del...

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
=== Tanker Enemy ====✈: Il Morgellons: le caratteristiche fondamentali del...: Pubblichiamo un breve ma efficace articolo sul Morgellons , la patologia legata alle operazioni chimico-biologiche in atmosfera. La ricerc...
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

18 gennaio 2016

UN AEREO DELLA CIA CHE SPRUZZAVA VIRUS NELL’ARIA E’ STATO ABBATTUTO IN CINA?

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
La notizia diffusa agli inizi dell’aprile del 2014, dal canale americanohttp://www.disclose.tv/ è di quelle che si spera in cuor proprio di essere una bufala, frutto della fervida fantasia di quella categoria di persone definite “complottisti”. Da reports del Cremlino si constata che un velivolo pilotato da agenti della CIA e trasportante un cargo di virus dell’influenza suina “modificati” destinati a essere spruzzati in aria, è stato abbattuto nei pressi dell’aeroporto cinese di Pudong, a Shangai, da un gruppo di sabotatori che si pensa faccia parte del Mossad, cercando così di prevenire un attacco statunitense su una delle loro basi dislocate nell’Asia centrale, in particolare nello stato del Kyrgyzstan.
So bene che si fa fatica a credere una notizia del genere, non si capisce perché il Mossad saboterebbe aerei pilotati dalla CIA. Secondo gli articoli della stampa cinese riguardanti questo fatto, nell’aeromobile colpito (Zimbabwean MD-II) appartenente alla Avient Aviation, compagnia collegata alla CIA, il cui volo era operato da un primo ufficiale militare britannico, di nome Andrew Smith e registrato nel Regno Unito, sono rimasti uccisi 3 agenti americani della CIA e feriti 4 altre persone che hanno confermato di provenire da USA, Indonesia, Belgio e Zimbabwe.
Una nota molto interessante di questo fatto è che, mentre era sottoposto alle cure delle sue ferrite, l’uomo indonesiano ha “confessato” alle forze di polizia segreta cinese di essere un tecnico assunto dalla marina militare statunitense per collaborare a una misteriosa operazione di “Ricerca Medica Navale” (Naval Medical Research Unit No. 2 -NAMRU-2) effettuata in Indonesia nonostante il primo ministro indonesiano della difesa Juwono ne avesse già precedentemente richiesto la chiusura “in quanto le sue operazioni erano troppo segrete e dunque incompatibili con gli interessi sulla sicurezza dell’Indonesia”.[1]
Ancora più interessante è notare come questa base segreta della marina americana sulle armi biologiche in Indonesia (la nazione con la percentuale più alta al mondo di musulmani) è divenuta una vera e propria sede, grazie al sostegno dell’Istituto Rockefeller, essendo il principale centro per il Programma delle Malattie Virali Americane (VDP) in cui è eseguita la ricerca epidemiologica e la ricerca in laboratorio sui virus delle febbri emorragiche, encefaliti, e richeziosi e dove il capo di questo istituto, David Rockfeller, ne ha sempre desiderato una massiccia riduzione nella nostra popolazione mondiale.
Ed all’agenda al momento in corso per cambiare radicalmente il nostro mondo attraverso la morte di massa della sua popolazione, non c’è bisogno di cercare oltre la spiegazione fornita dalle stesse parole di David Rockefeller pronunciate poco prima dell’incontro segreto della Commissione Trilaterale del giugno 1991, quando egli così disse: “Siamo grati al The Washington Post, The New York Times, Time Magazine e alle altre grandi produzioni stampa, dei quali i direttori hanno partecipato ai nostri incontri e rispettato le loro promesse di discrezione per quasi 40 anni. Sarebbe stato impossibile per noi sviluppare il nostro piano per il mondo se fossimo stati sottoposti alla luce della pubblicità durante questi anni. Ma adesso il lavoro è molto più sofisticato e pronto per guidarci verso un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di una elite intellettuale e di banchieri internazionali è sicuramente preferibile all’auto determinazione degli Stati praticata nei secoli passati[2]
Per ciò che riguarda gli aeroplani statunitensi impiegati nella diffusione mondiale del virus influenzale suino mutato, abbiamo maggiori informazioni dalla Cina, come di seguito riportato: ““26 Giugno aeromobili sospetti son stati costretti ad atterrare. Un AN-124 americano ha cambiato il suo segnale di chiamata da civile a militare il quale ha poi innescato un responso dallo IAF riguardo l’ingresso nello spazio aereo pachistano, dunque l’aeroplano fu costretto ad atterrare a Mumbai mentre il secondo fu costretto ad atterrare da jet combattenti nigeriani che riuscirono anche ad arrestare l’equipaggio.
Secondo le notizie, la Cina[3] ha contattato gli ufficiali dell’intelligence indiana e nigeriana circa la presenza di certi aeroplani ucraini operati da americani durante l’accrescente allarme che gli USA stessero diffondendo “agenti biologici” nell’atmosfera terrestre, e qualche ufficiale cinese ha creduto anche che potesse esserci un tentativo di genocidio attraverso il virus dell’influenza suina.
La cosa strana riguardo questi fatti e arresti come anche dell’obbligo di atterraggio immediato degli aerei, è che questi ultimi stavano trasportando sistemi di “smaltimento di scorie” che potevano spruzzare fino a 45000kg di gas da una rete sofisticata di canne che conducono attraverso i bordi d’uscita delle ali e da lì disperdere qualsiasi cosa ci fosse nei serbatoi attraverso il vapore”.[4]
I report di questi aeroplani statunitensi sopra l’Ucraina sono stati anch’essi comprovati, come si può leggere di seguito: “Le autorità della città di Kiev, l’ Ucraina nega qualsiasi spray di “medicine in forma di aerosol” tramite aeroplano sulla città. Questo dopo che è stato denunciato che velivoli leggeri son stati visti volare sulla zona del mercato spruzzando una sostanza aerosol per combattere il virus h1n1 o l’influenza suina”.
5 fonti lo confermano e anche i giornali locali di Kiev hanno ricevuto centinaia di chiamate da parte dei residenti e dei venditori che avevano visto gli aeroplani spruzzare una sostanza sospetta. Inoltre fu “consigliato” dalle autorità locali agli uomini d’affari e ai rivenditori locali di rimanere dentro durante il giorno.
Come se non fosse abbastanza, le autorità governative forzarono le stazioni radio di Kiev di negare gli eventi. Online su forum, siti web e blog furono riportate testimonianze preziose che lo confermano. Ci furono anche testimonianze della presenza di elicotteri che spruzzavano aerosol su Kiev, Lviv, Ternopil e lungo tutta l’Ucraina.
L’effetto più drammatico riguardante lo spray emesso sull’Ucraina di questo virus mutato è il devastante contagio che si è avuto tra la popolazione di quel luogo, come di sotto riportato: “Quasi 40 000 persone sono state infettate da ieri in Ucraina da ciò che noi ancora chiamiamo “la piaga ucraina” ma I medici hanno recentemente detto che questo è un caso più grave del n1h1 o dell’influenza suina poiché è stato mutato il virus e ciò porta ad una grave infezione ai polmoni, che vengono distrutti e riempiti di sangue
Ma la peggior conseguenza di questo virus modificato è che l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva annunciato che in Francia, Norvegia, Brasile, Cina, Giappone, Messico, Ucraina e negli USA con un tasso di mortalità alto a livello pandemico globale riportato a circa 8,000 vittime, con la Cina che ha confermato il contagio di questo virus adesso anche tra i cani.
Non si può non essere perplessi l’affermazione che l’obiettivo dell’aereo Americano abbattuto in Cina fosse una base segreta israeliana che si trovava nella nazione del Kyrgyzstan, luogo in cui Ebrei Ashkenazi si considerano nella loro ‘patria spirituale’, e dove gli analisti dell’intelligence russa affermano che i sionisti sono vicini alla fine della lunga e decennale decodificazione dell’antico manoscritto l’Epopea di Manas,[5] che loro credono contenere il più antico monito mondiale fino ai nostri giorni e che (coincidenza?) aderisce con le teorie dell’antico popolo Maya riguardo l’anno 2012 e la fine del mondo.
ARMI ETNICHE E BIOLOGICHE
   È ovvia che queste notizie bisogna prenderle sempre con le pinze e verificare la fondatezza o meno. Una cosa che, però, non si può mettere in dubbio, è lo sviluppo delle armi etniche e biologiche.


L’arma etnica
   Nel 1996, la dottoressa Vivienne Nathanson, del British Medical Association lanciò un grido d’allarme:[6] adesso è possibile produrre armi biologiche che hanno come bersaglio un gruppo umano geneticamente specificato. E suggerì che tali armi potevano essere usate non per uccidere, ma per indurre sterilità e deformazioni neonatali nel gruppo bersagliato: un metodo di genocidio che, disse, sarebbe difficile denunciare, perché sarebbe potuto sembrare un “atto di Dio”. Nel 1999 l’associazione dei medici inglesi è tornata ad avvertire, con più urgenza del rischio: “negli ultimi decenni i rapidi progressi della biologia molecolare hanno reso trasferibile da una specie all’altra e fra differenti organismi il materiale ereditario (DNA). Il Progetto Geoma Umano e il Progetto Diversità Genetica Umana cominciano a consentire l’identificazione del codice genetico umano, e le loro variazioni, in gruppi etnici diversi. Si esprime la preoccupazione crescente sull’uso potenziale della conoscenza genetica per lo sviluppo di una nuova generazione di armi biologiche e tossine. La ricerca legittima sugli agenti microbici, sia sul loro utilizzo in agricoltura o per migliorare la risposta terapeutica alle malattie causate da quegli agenti, è difficile da distinguere da ricerche che abbiano il maligno scopo di produrre armi più efficaci”. Negli anni ‘80, il governo del Sudafricano (quello dell’apartheid) finanziò un programma segreto di guerra biologica, chiamato Project Coast, dove cercò di finire un’arma genetica mirata alla popolazione nera. Una “bomba negra”, per uccidere o debilitare solo gli africani. Pare che studi accurati fossero fatti, in quella sede, sulla pigmentazione epidermica come bersaglio possibile.
Con l’incoraggiamento degli U.S.A, in quel periodo si avviò una collaborazione nell’industria degli armamenti tra Sudafrica e Israele. Nel 1977, un’esplosione nucleare nell’alta atmosfera sopra il deserto della Namibia rilevò che il primo test atomico israeliano aveva avuto successo. Sui progetti biologici condotti in comune ovviamente, si sa molto meno. Bisogna ricordare che Israele non firmò la convenzione contro le armi biologiche del 1972, sottoscritta da 140 paesi. Un portavoce israeliano, interrogato da giornalisti esteri sulla bomba etnica, rispose: “abbiamo un intero cesto di sorprese strategiche che non esiteremo ad usare se lo Stato d’Israele sarà gravemente minacciato”.[7]
Il 15 novembre 1998 sul Sunday Times, l’inserto domenicale del Times di Londra apparve la notizia che gli israeliani stanno cercando di identificare geni esclusivamente specifici degli arabi con lo scopo di “creare per manipolazione genetica dei microrganismi che aggrediscono solo gli individui portatori di quegli specifici geni”.[8]
Queste ricerche israeliane hanno incontrato delle difficoltà, poiché il patrimonio genetico degli arabi è di fatto sovrapponibile a quello degli ebrei sefarditi.[9] Questo perché l’essere umano appartiene a una sola “razza”, e il patrimonio genetico di un palestinese, di un ebreo (sia sefardita che ashkenazita) o di uno svedese sono in realtà identiche al 99,9%.
Esperimenti sui pesci zebra.
   Nel 2005, un gruppo di biologi, della Penn State University, scoprì nuovi metodi per abbronzare o schiarire. Hanno isolato dai pesci zebra[10] il gene SLC24A5. I pesci zebra hanno un patrimonio genetico alquanto simile a quello umano. Questi animali hanno nell’epidermide cellule simile a quelle umane, i melanosomi: il tipo di questo pesce detto golden (dorata) presenta melanosomi più piccoli e meno colorati della specie.[11] Si è scoperto che la causa sta in una mutazione del genere, che impedisce la produzione di una proteina essenziale.
Alla fine degli anni ‘90 un esperimento fatto dal Dottor Gong Zhiyyuan, insieme ai colleghi dell’Università di Singapore, iniettò sul menoma del pesce zebra, un gene prelevato da una medusa che sintetizza naturalmente una proteina a fluorescenza verde. Ed ecco avverarsi il miracolo. Sotto la traslucida, gli organi del pesce zebra hanno cominciato a brillare di mille colori. (diventa così un pesce mutante).
I ricercatori della Penn State University hanno cercato nella mappa del genoma umano l’esistenza di una situazione simile. E l’hanno trovata. La maggior parte dell’umanità (nera e gialla) ha la stessa del gene SLC24A5; solo le persone discendenti da europei (uomini bianchi) sono portatori di un gene modificato. In base ha nuove ricerche sui mezzosangue mulatti, con genitori misti; si è evidenziato che alcuni hanno il gene mutato.[12] I ricercatori del Pen State University hanno iniettato nell’embrione del pesce zebra delle cellule di melanona[13] di tumori umani che arriva a coinvolgere le cellule dei pigmenti epidermici, i melanosomi. Le cellule del melanoma non solo si dividono, ma formano tumori, come se qualcosa nell’ambiente biologico dell’embrione lo impedisce.
C’è una domanda inquietante da porsi. Perché iniettare il melanoma umano sul pesce zebra, con una genetica della pigmentazione così simile a quella umana?. Per combattere il cancro come dicono i ricercatori o per provocarlo? Magari ad africani, latinoamericani, asiatici e arabi?.


Virus come armi batteriologiche.
   La SARS proviene da un ceppo sconosciuto di coronavirus , [14] frutto di un’abile clonazione tra l’agente patogeno del morbillo e quello della parotite epidemica. Un “mostro” d’ingegneria genetica, in grado di selezionare il tipo di DNA da colpire. Sergei Koleshnikov, un membro dell’Accademia russa delle scienze mediche, durante una conferenza disse: “Un virus composto come quello responsabile della SARS non può formarsi spontaneamente in natura. Può essere creato solo in laboratorio” e ancora “quando si creano armi batteriologiche in genere allo stesso tempo si lavora al vaccino
Guarda caso, nell’aprile del 2003 il Corriere della Sera riportando notizie diffuse dal Times di Londra[15] fa sapere che “i primi esperimenti effettuati dall’Istituto nazionale della società americana AVI BioPharma dell’Oregon avrebbero confermato la Capacità del preparato nell’uccidere il virus responsabile della polmonite atipica, tanto da spingere a realizzarsi entro le prossime due settimane”. Jean Shinoda Boled medico e ricercatore, ricorda che quando esplose l’allarme SARS, che l’Institute of Science in Society di Londea si chiese se “l’ingegneria genetica non abbia prodotto per inavvertenza il virus SARS”.
I teorici della Revolution in Military Affaire[16] contemplano la Guerra Genomica (in realtà i nord-americani usano il termine tedesco Genome Kampf…) è una “Guerra condotta nel campo della genetica. Si tratta di individuare, nella mappa dei geni (DNA) di un popolo/etnia, i punti deboli da attaccare mediante virus e batteri, frutto di biotecnologie”.
E come abbiamo visto le ricerche sulla “bomba etnica” sono sviluppate da tempo. Ma non solo: contemplano la possibilità di una “forma di schiavitù farmacologia”, in cui “la popolazione presa di mira non sa di essere messa in schiavitù”.

Ma cosa centra il sionismo?
   Bisogna capirsi, perché quando si parla del ruolo internazionale di Israele e del sionismo, si rischia di scadere nel complottismo più deteriore e reazionario, del tipo “protocolli dei saggi anziani di Sion” e robacce del genere.
Io sostengo la tesi che Israele è uno strumento della controrivoluzione internazionale, ma con ciò, non intendo dire che Israele è uno strumento passivo e subordinato di esso, né tantomeno che l’imperialismo è senza contraddizioni. Anzi tutto il contrario. Perciò quando si parla dell’influenza della Lobbie sionista, si deve intendere dell’attività di un gruppo di capitalisti di diversi paesi, che hanno in comune l’origine ebraica, che nel cercare di influenzare l’attività degli USA (come di altri paesi imperialisti) partecipano, di fatto, attivamente a determinarne l’orientamento.
Però, man mano che le difficoltà dell’accumulazione di capitale aumentano, c’è il tentativo da parte di una frazione della borghesia imperialista mondiale di imporre un’unica disciplina a tutta la borghesia imperialista cercando di costruire attorno agli USA il proprio Stato sovrazionale. Questo tentativo è favorito dal fatto che negli anni trascorsi dopo la seconda guerra mondiale imperialista, si è formato un vasto strato di borghesia imperialista internazionale, legata alle multinazionali, con uno strato di personale dirigente cresciuto al suo servizio.
Già sono stati collaudati numerosi organismi sovrazionali (monetari, finanziari, commerciali), che sono un tentativo di gestione collettiva che deve mediare il contrasto tra la proprietà privata delle forze produttive con il loro carattere collettivo. Attraverso questi organismi uno strato di borghesia imperialista tenta di esercitare una vasta egemonia.
Parimenti si è formato un personale politico, militare e culturale borghese internazionale. Di conseguenza ci sarebbero le basi materiali per il formarsi di un unico Stato, ma la realizzazione di un processo del genere, quando la crisi economica avanza e si aggrava, difficilmente si può realizzare in maniera pacifica, senza che gli interessi borghesi lesi dal processo si facciano forti di tutte le rivendicazioni e pregiudizi nazionali e locali.
Perciò quella frazione borghese, denominata Lobbie sionista, cerca di influenzare la politica USA e per questo entra spesso in conflitto con gli imperialisti rivali (come quello dei paesi europei) e con altre frazioni borghesi interne agli Stati Uniti.
Se fosse vera questa storia, potrebbe essere una spiegazione di quanto è avvenuto. Comunque è importante per le masse popolari di prendere coscienza di questa situazione e ribellarsi.


[2]                                             C.s.

[3] China’s People’s Liberation Army Air Force.


[5] L’Epopea di Manas è il poema epico del popolo kirghiso. Manas è il nome dell’eroe. Il poema, trasmesso per tradizione orale, articolato in oltre mezzo milione di versi è in proporzione oltre venti volte la somma del numero dei versi che compongono l’Iliade e dell’Odissea sommati insieme e circa il doppio del Mahābhārata. Il poema racconta le gesta di Manas, dei suoi discendenti e seguaci. Le battaglie contro le città Kitay e Kalmak costituiscono il tema centrale del poema. Sebbene il poema sia già menzionato nel XV secolo, la prima versione scritta è datata al 1885. L’epica è la colonna portante della letteratura kirghisa, e alcune parti di questa vengono recitate nelle festività locali dai Manaschi, specialisti della lettura e della recitazione dell’epica

[6] Genetic Weapons Threat, nel Genetic Forum del World Medical Associations, in The Splice of Life 4 febbraio 1997.

[7] Roy R. Blake, genetic Bullets, Etnicaly Specific Bioweapons, su FreePress, 4 gennaio 2002.

[8] E questo non sarebbe nazismo?

[9] Gli ebrei sefarditi sono originari della Spagna (Sepharad) e qui hanno elaborato la lingua ladina (uno spagnolo popolare), allacciando stretti rapporti, prima rapporti, prima dell’espulsione del 1492, col mondo mussulmano. Questi ebrei sono definiti Sefarditi per distinguerli dagli Ashkenaziti, ovvero gli ebrei che abitarono in Germania e nell’Europa orientale (Ashkenazi significa Germanica), che svilupparono la lingua l’yiddish (che era una dialetto tedesco
medievale).

[10] Key controls skin’colours BBC, 12.12.2005.

[11] Normalmente il pesce zebra è di colore piuttosto scuro, nella variante Golden le tinte diventano molto più pallide.

[12] Risulta che questo gene, nella popolazione mista, controlla il 38% della variazione di colore della pelle.

[13] Il melanoma è un tumore originato dai melanociti, cellule pigmentate che si trovano nella pelle e negli occhi, una malattia genetica che si sviluppa quando dei melanociti si accumulano alterazioni genetiche a carico di geni coinvolti nella regolazione della crescita cellulare, nella produzione di fattori autocrini (quelle molecole prodotte dalla cellula che stimolano la crescita e la proliferazione della stessa cellula).

[14] I coronavirus sono virus di forma sferica, con un diametro che varia dagli 80 ai 160 mm, a simmetria elicoidale e dotati di envelope.

[15] S.U.A.: farmaco contro la SARS entro pochi mesiCorriere della Sera 25 aprile 2003.

[16] RMA (Revolution in Military Affair), teorizzata da Andrew Marshall: è la cosiddetta trasformazione = (dalla definizione di Joxe) l’applicazione della rivoluzione elettronica agli armamenti, alla logistica e alla comunicazione militare. L’idea fondamentale è che gli Usa dovrebbero approfittare dell’indiscusso vantaggio tecnologico per trasformare il modo di fare la guerra: la guerra deve abbandonare lo schema del duello, per perseguire una superiorità assoluta, basata sull’impiego di armi sofisticate, “intelligenti” e di straordinaria efficacia. Il nucleo strategico della RMA è essenzialmente costituito dall’impiego delle nuove tecnologie informatiche, comunicative e robotiche nei settori militari in cui l’elemento umano è sempre stato preponderante, ossia nella raccolta di informazioni sul terreno (principio dell’information dominance) e nel combattimento (principio dell’air power). Tratto da  marcos61 sciechimiche:informazionecorretta
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

12 vaccini obbligatori in un decreto legge ASSASSINO! Condividete questa saliente inchiesta!

Primo piano dell'ultimo post

PRIMA VOLTA A LIVELLO MONDIALE ( 2017 ) GLI SCIENZIATI CHE STUPISCONO IL MONDO !!! DOTT ANTONIETTA GATTI - DOTT. GIUSEPPE VISANI LA LEUCEMIA E' LEGATA ALL'INTOSSICAZIONE DA METALLI PESANTI

Nella foto Antonietta M Gatti Fisico e bioingegnere esperta in nanopatologie. LA DOTT. GATTI ESPRIME IL SUO SOGNO:  "che s...