macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
"Salve sono l'amministratore del blog, vi comunico che ho inserito nel sito dei prodotti per la difesa del nostro sistema immunitario, integratori e dei libri utilissimi per una buona e sana alimentazione. Un caro saluto a tutti"

29 febbraio 2016

Danni da Vaccino? Obbligo di indennizzo e non solo

Articolo di “Il Sole 24 ore”.
Ma i vaccini non erano totalmente sicuri? Come mai l’esistenza della 210/92?
In caso di danno da vaccino lo stato è costretto a risarcire?
Ricordiamo il contenuto della legge 210/92:
“Chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di un’autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente dell’integrità psico-fisica ha diritto a un indennizzo da parte dello Stato, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge”. 

La patologia contratta dal bambino a seguito di vaccinazione obbligatoria costringe il ministero della Salute al risarcimento.
La Corte di cassazione con l’ordinanza n. 3545/2016 , oltre a chiarire il principio generale ha voluto fornire una serie di chiarimenti utili anche da un punto di vista pratico.

Chi si accolla la responsabilità ?

È stato precisato che il soggetto responsabile a erogare la somma a titolo di risarcimento è il dicastero e non la Regione.
Questo perché sulla base dell’articolo 123 del Dlgs 112/1998 è previsto che siano conservate dallo Stato le funzioni in materia di ricorsi per la corresponsione degli indennizzi a favore di soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati.
E il contenuto della norma vale anche a seguito del trasferimento alle Regioni di compiti e funzioni in tema di indennizzo (a opera dei Dpcm 8 gennaio 2002 e 24 luglio 2003) e di attribuzione a queste della competenza residuale in materia di assistenza pubblica.
Quindi “così come il ministro della Salute decide in sede amministrativa pronunciandosi sul ricorso di chi chiede la prestazione assistenziale in esame, analogamente è nei suoi confronti che va proposta l’azione giudiziaria con cui il danneggiato rivendica  l’indennizzo”.

Quantificazione della somma

I Supremi giudici – dopo aver chiarito chi fosse il soggetto responsabile – hanno affrontato l’aspetto più spinoso del risarcimento, dalla quantificazione alle modalità di corresponsione. A tal proposito la Cassazione ha richiamato l’articolo 1 della legge 210/1992 secondo cui “Chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di un’autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente dell’integrità psico-fisica ha diritto a un indennizzo da parte dello Stato, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge”.
L’indennizzo previsto dalla norma consiste in un assegno, reversibile per quindici anni (determinato nella misura di cui alla tabella B allegata alla legge 29 aprile 1976 n. 177, così come modificata dall’articolo 8 della legge 111/1984). Si tratta di un emolumento cumulabile con ogni altra somma corrisposta a qualsiasi titolo. E’ stato, inoltre chiarito che al soggetto cui l’indennizzo sia stato già concesso è corrisposto, a domanda, per il periodo ricompreso tra il manifestarsi dell’evento dannoso e l’ottenimento dell’indennizzo un assegno una tantum nella misura pari, per ciascun anno, al 30 per cento dell’indennizzo complessivo dovuto con esclusione di interessi legali e rivalutazione monetaria.

Conclusioni

Nel caso concreto pertanto è stata seccamente bocciata la tesi della Corte territoriale che non solo non aveva riconosciuto l’indennizzo espressamente previsto dalla legge 210/1992 ma aveva negato anche l’indennizzo una tantum del 30 per cento dovuto per il periodo ricompreso tra l’evento dannoso e l’ottenimento dell’indennizzo stesso.
Fonte. www.sanita24.ilsole24ore.  tratto da http://www.vacciniinforma.it/?p=4092
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

27 febbraio 2016

PROJECT MANHATTAN!


Il progetto Manhattan nasce con la diaspora degli scienziati nucleari che per fuggire alle leggi antirazziali trovarono rifugio negli Stati Uniti.Qui si formò una comunità di fisici di altissimo livello, tra cui Enrico Fermi e Leo Szilard.Questi, dovuti fuggire dalla loro patria per l’oppressione tedesca, nutrivano rancore verso il Nazismo e spesso svolsero un ruolo di stimolo verso le autorità americane affinchè si usassela scienza nella guerra contro la Germania. Szilard, fisico teorico ungherese allora sconosciuto, convinse Einstein a sottoscrivere una lettera a Roosvelt: era il 2 agosto 1939, quando, mentre trascorreva le ferie a Long Island, il padre della relatività, abbandonò le sue posizioni pacifiste per chiedere al governo di impedire la vendita alla Germania dell’uranio e un appoggio massiccio alla ricerca sull’energia nucleare.
L’interesse del governo, occupatissimo col radar, cominciò a farsi vivo solo nel ’41 quando, dopo un accordo tra Churchill e Roosvelt, si decise che gli sforzi per la costruzione della bomba si sarebbero dovuti concentrare in America.
La direzione delle ricerche venne affidata a un Military Committee composto da tre ammiragli e due soli tecnici (Vannevar Bush e Jammes Conant). Il 13 agosto ’42 iniziò il progetto con il nome di Manhattan Project o MED (Manhattan Engineer District).Al progetto parteciparono grandi fisici, quali SEGRE’,FUCHSGROVESOPPENHEIMER SZILARD. Le ricerche furono concentate a Los Alamos, cittadina del New Mexico.
Questa equipe di scienziati, lavorando in gran segreto, riuscì in breve tempo a realizzare ciò che in circostanze diverse avrebbe richiesto moltissimi anni. In soli tre anni venne costruita la bomba.Le ragioni di un simile successo sono da ricercarsi nello spirito di cooperazione esistente negli Stati Uniti, nonché nel concentrarsi in un solo luogo dei più illustri fisici del tempo.
Ma giocò un ruolo determinante la convinzione che il progetto atomico fosse l’unico modo per impedire l’uso dell’arma totale da parte della Germania. Ma nel 1944, grazie al ritrovamento da parte degli Alleati di alcuni documenti, si capì che il progetto tedesco era in realtà molto indietro: non era stata prodotta né una reazione a catena, né il plutonio, né la separazione degli isotopi dell’uranio.     
Con la sconfitta della Germania cadde la giustificazione ideologica del progetto e nacquero i primi dubbi tra gli scienziati. Fu Szilard a farsi portavoce di queste perplessità, stendendo un promemoria per il presidente Roosvelt in cui si dichiarava del tutto ingiustificato lanciare le prime bombe atomiche sul Giappone.
L’ipotesi di farle scoppiare in un luogo deserto solo a scopo dimostrativo fu scartata e il 6 agosto venne sganciata la prima bomba ad uranio su Hiroshima, il 9 agosto una bomba al plutonio su Nagasaki.



 Fonte: http://www-news.uchicago.edu/fermi/Group29/fermi/storia.htm

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

.GENETICA ARMAGEDDON: L'ASPETTO MILITARE DELLE SCIE CHIMICHE!


GENETICA ARMAGEDDON: L'ASPETTO MILITARE DELLE SCIE CHIMICHE



1°  Video Youtube
Durata:
 15':00"
Aggiunto: 11 novembre 2011
Dalongino

2°  Video Youtube
Durata:
 08':44"
Aggiunto: 11 novembre 2011
Dalongino


TRASCRIZIONE DEL VIDEO A CURA DI Danilo Perolio Diinabandhu, 26.11.2011

GENETICA ARMAGEDDON: UN SISTEMA DI CONTROLLO COMPLETO

Stefano, ricercatore indipendente.L'aspetto militare delle scie chimiche.Stefano (felce e mirtillo), ricercatore indipendente, interviene alla conferenza contro la geoingegneria clandestina & modifica degli ecosistemi, organizzata dal Comitato Fiorentino "Il cielo su Firenze". 1 ottobre 2011.
Buonasera. Voglio dedicare queste riflessioni a tutti i caduti e feriti dalle malattie croniche. Vorrei ricordare che lo scienziato citato prima, Edward Teller, è quello che nel (19)53 ha costruito la prima bomba all'idrogeno. Vorrei ricordare che Edward Teller, colui che presentò il progetto scientifico al signor Berlusconi nel (19)93 per ridurre l'irraggiamento da ultravioletti [ndr, leggi: http://straker-61.blogspot.com/2011/05/il-progetto-edward-teller-ed-il.html e http://www.tankerenemy.com/2010/03/il-giorno-in-cui-edward-teller-illustro.html], fu quello che nel "Progetto Manhattan" [ndr: Il progetto Manhattan nasce con la diaspora degli scienziati nucleari che per fuggire alle leggi antirazziali trovarono rifugio negli Stati Uniti. Vedihttp://www-news.uchicago.edu/fermi/Group29/fermi/storia.htm] denunciò Oppenauer per attività sovversive, ma soprattutto Teller è stato per 40 anni il capo della commissione scientifica che studiava la tecnologia aliena. Io ho approfondito l'aspetto militare delle scie chimiche (ndr: chemtrails - vedi: http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=55) perché negli anni '80 sono stato sottoposto a esperimenti di controllo mentale, agli ultrasuoni dalla polizia italiana o da entità non meglio definite, direi a comando mafioso-massonico.

Gli esperimenti cui sono stato sottoposto negli anni '80, oggi vengono sviluppate sulla totalità della popolazione. Le armi psicotroniche, prima di Chernobyl, nei trattati della NATO, venivano definite armi disumane. Erano dopo la categoria " non letali", dopo il nucleare chimico batteriologico.

Queste armi oggi sono in attività, sono in funzione. Non funzionano esclusivamente con irraggiamenti di HAARP, o di altre tecnologie. Funzionano anche con la luce del sole, e hanno effetti dannosissimi sul ciclo del carbonio. Le molecole del carbonio sono quelle che nel nostro DNA raccolgono informazioni dalla luce solare, per modificare il nostro sistema immunitario, soprattutto adeguarlo alla qualità diversa della luce del sole in questa fase.

Queste armi sono già attive. I primi che studiarono il lavaggio del cervello -come veniva chiamato durante l'ultima guerra- gli inventori di questa tecnologia, sono stati i gesuiti. Dopo di loro i russi e poi gli americani.

Oggi noi stiamo ingerendo le nostre antennine, le respiriamo, le assorbiamo attraverso l'acqua e i cibi. Queste nanoparticelle di metalli vanno a costituire un transponder all'interno del nostro corpo. Una rete elettrica artificiale che si sovrappone a quella naturale.

L'obbiettivo di queste armi è quello di inibire la vitalità umana. La prima fase del trattamento militare è un intervento che si chiama "GAS", sindrome da adattamento graduale, cioè vengono a disturbare nel singolo individuo, nel singolo primate umano, vengono disturbate le comunicazioni.

La scienza sa che ognuno di noi, come altri mammiferi, se isolato dai nostri simili, ha delle reazioni autodistruttive. Nella guerra moderna l'autodistruzione è l'arma più economica.

Queste armi diminuiscono l'elettronegatività nel nostro corpo, quella che ci permette di assorbire protoni dal cosmo, quindi energia, vitalità. In questa prima fase … -ricordo che queste armi sono già attive su tutta la popolazione- … la prima fase consiste nel distruggere le relazioni, le comunicazioni, del singolo con i propri simili.

Gli scienziati sanno che a ogni restringimento dello spazio vitale delle comunicazioni una reazione autodistruttiva. Lo scopo è il controllo della popolazione, e il controllo interno, la sicurezza interna da garantire al totalitarismo delle merci, all'imperialismo finanziario che controlla tutto il pianeta.

Ora, nel nostro caso, sono ormai 15 anni che ci troviamo sotto una ionosfera artificiale d'alluminio (ndr: creata e mantenuta con le "chemtrails" o "scie chimiche", vedi:http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=55). Come se, come se, un nuovo sistema di trasmissioni radio, più vicino, più accanto al nostro habitat, lavorasse esclusivamente sulla riflessione (ndr: rifrazione) di segnali radio che vanno ad agire sul nostro centro di comando che è la pineale (ndr: ghiandola pineale, posta al centro del cervello).

Questi metalli che noi respiriamo, queste nanoparticelle, si vanno a depositare all'interno della ghiandola pineale costituendo un circuito piezoelettrico artificiale, come quello della puntina di un giradischi. Lo scopo di questi signori è di sostituire il disco senza che noi ce ne accorgiamo.

Isolare, quindi, l'individuo, disturbare le sue comunicazioni, produrre nell'individuo una condizione perenne di mente reattiva, quindi di vivere, far vivere, gli esseri umani nella paura e nell'angoscia … le politiche delle emergenze … il vivere in pericolo. Tutto questo viene potenziato dalla continua (riproposizione) del crimine che viene espressa dalle televisioni, dal cinema, dove si fa la filosofia del delitto per legittimare la sacralità del profitto.

Ora, chi governa queste operazioni, sa che negli esseri umani gli episodi traumatici vengono conservati sotto forma di files-video. Ognuno di noi conserva nella sua memoria le sue esperienze traumatiche sotto forma di immagini. Tenendo sempre sotto ristimolazione queste memorie, perdiamo la consapevolezza, la mente logica, e viviamo nella condizione di cervello rettile, che è un po’ quella del clerico-fascismo (ndr: fascismo clericale http://it.wikipedia.org/wiki/Fascismo_clericale) e del porno-fascismo attuale. Praticamente si occupa esclusivamente della propria sopravvivenza; ma soprattutto non ragiona.

Quindi noi stiamo assorbendo le nostre antennine, le antennine si ricompongono all'interno della nostra ghiandola pineale, possiamo essere controllati non solo nei nostri pensieri, possono essere modificati i nostri pensieri. Possono essere danneggiate la nostra volontà e la nostra coscienza e, addirittura, può essere manipolata la nostra immaginazione, i nostri sogni, anche i nostri sogni.


Possiamo accorgerci di essere sottoposti a questo tipo di trattamento, singolarmente nelle nostre case, perché oggi queste armi possono operare anche in orizzontale, fino a pochi anni fa operavano soltanto dal satellite dall'alto verso il basso. Oggi operano anche in orizzontale utilizzando le frequenze dalla RAI che hanno liberato con il digitale terrestre (ndr: articolo correlato su LiberaMenteServo: "Il digitale terrestre altera le frequenze cerebrali http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4047), e il regalo che ci fecero i militari negli anni '80, la telefonia mobile. Serviva a mappare, a classificare, le frequenze delle nostre radio-onde cerebrali, perché 4 misure sono uguali per tutti gli esseri umani (*), altre quattro variano.

Questo perché? Perché questo tipo di … io li chiamo "flash" … questo tipo di "spari" possono essere mirati direttamente sulla radiofrequenza cerebrale di un singolo individuo. Quindi possono colpire in maniera selettiva, oppure anche generalizzata. Le armi psicotroniche, quindi le armi che si servono della luce, sono delle radio-onde polarizzate, cioè sono dei segnali radio-polarizzati … esattamente come il laser, solo che nel caso nostro si tratta di onde hertziane polarizzate … che diventano un'arma a vari livelli. A seconda di come vengono regolate la potenza e la frequenza possono stordire, anestetizzare, o anche uccidere, o anche produrre un ictus o qualcosa del genere.

Ora, ricordando che il cervello è una rete elettrica a modulazione chimica … sappiamo dall'elettroshock che l'elettricità è dannosa per il cervello umano … se ricordate che cosa è accaduto tra natale e capodanno ultimi, ricordate che c'è stata una moria particolarmente strana di specie viventi sul nostro pianeta, sono morte circa una ventina di specie diversi di pesci e uccelli in luoghi diversi del pianeta in modo selettivo, e non era un esperimento, non era un incidente o un evento accidentale … era semplicemente un dispiegamento di potenza da parte dei militari che governano questo tipo di progetto, che hanno dimostrato al resto degli eserciti del pianeta la loro capacità di uccidere con armi scalari la specie prescelta, nel luogo prescelto, quando vogliono.

Ora, dire queste cose è un po' terrificante, perché possiamo anche non accorgerci affatto di essere sottoposti a questo tipo di trattamento. Sentiremmo soltanto dei ronzii nell'orecchio sinistro e potremmo vedere delle lucine davanti al nostro sguardo, ma potremmo pensare che tutto ciò è una cosa normale. In realtà queste armi sono già operative. Queste armi hanno anche una tecnologia talmente raffinata, di origine aliena perché come vi dicevo il signor Teller dagli anni '40, fin dagli anni '40, era il capo della commissione scientifica che studiava la tecnologia aliena. Questo era il signor Teller. Grazie al cielo adesso è morto, ma ce ne sono altri come lui che operano. Queste armi stanno, in questa prima fase, destrutturando la nostra interfaccia, le nostre relazioni, con le persone a noi più care. In termini militari si chiama "GAS", sindrome da adattamento graduale, cioè vengono disturbate tutte le comunicazioni del singolo individuo in maniera graduale, producendo depressione, autodistruttività, a vari stadi.

Ora, la materia che regola alla base questo tipo di armamenti era la fisica di Tesla (ndr: vedi http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=124) la fisica della "Risonanza Schumann" che dagli anni '60 è stata censurata dai testi di studio dei licei scientifici e delle università. Tutta la fisica della risonanza è scomparsa dai testi universitari, perché la fisica della risonanza è alla base di queste armi che lavorano sul cervello umano. La filosofia orientale sintetizza la fisica della risonanza in un concetto semplice: "ciò che concorda nel tono vibra insieme". Ecco, noi adesso, dobbiamo NON vibrare insieme [ndr: questa è la volontà messa in atto con il piano dei poteri militari di cui sopra,]. Ognuno di noi deve vivere in una condizione di dissonanza armonica, esattamente come il pianeta che viaggiando nel cosmo ha due enormi falle nei due oceani: una nel Golfo del Messico e un'altra nella centrale atomica in Giappone. Queste due enormi falle producono nella nostra "trottola", viaggiando nel cosmo, uno scossone che aumenta sempre di più, soprattutto in relazione alle modificazioni geomagnetiche che stanno avvenendo nel sistema solare.

Ora, a me piacerebbe discutere in maniera approfondita con tutti voi sullo scopo primario di questa "GAS", perché, forse, approfondendo meglio lo scopo potremmo capire meglio chi c'è dietro a questa operazione. Immediatamente potremmo pensare all'industria farmaceutica e all'industria militare. E' chiaro che sono loro che governano questo processo, come spiegava prima Gaetano, si tratta di un riformattamento genetico della nostra specie non solo in funzione servile, non solo per avere dei buoni schiavi, obbedienti schiavi soprattutto prostrati, ma probabilmente anche qualcos'altro oltre che la riduzione della popolazione o il controllo delle coscienze. Se approfondiamo gli scopi ultimi di questi sistemi d'arma di condizionamento, potremo capire chi li governa. Però, sembrerebbe che i nostri governanti non ne sappiano nulla; la Prestigiacomo ha detto: «Io non so niente di scie chimiche».
Stefania Prestigiacomo.
Allora, se in 15 anni l'individuo non alza gli occhi al cielo vabbhé, può pure essere. Ma che non alzi gli occhi al cielo un "Verde" o un militante ecologico, comincia a diventare strano. Greenpeace, WWF, Legambiente, guardano le balene e non guardano gli operai della Telecom francese che si uccidono, eppure sono due fenomeni strettamente legati: si tratta di "autodistruttività da disturbi di comunicazioni elettriche". Esistono università, centri scientifici, facoltà di nembologia, un'infinità di fisici di meteorologia che non vedono niente, non alzano gli occhi al cielo.

Quanto più il fenomeno diventa palese ed evidente, tanto più cresce l'omertà intorno a questa questione. Io personalmente, oltre alla sofferenza profonda che provo ogni volta che mi trovo sotto a un cielo d'alluminio, bianco, privo di alcune radiazioni calde, un cielo freddo, umido, nauseabondo, provo un dolore profondo. Penso al futuro, al futuro dei nostri figli, manca il nostro futuro prossimo perché sembra sempre più attivo questo sistema d'armi. La narcosi e la rassegnazione in cui ci troviamo, di fronte a un governo sempre più mediocre, mafioso; i linguaggi massonici oramai diventano dominanti alla televisione, sui giornali. Tutto questo è terrifico, perché se ci trovassimo di fronte a una questione come quella giapponese qui sarebbe una strage. E' anche vero che potremmo essere sterminati dall'immondizia prima ancora che dalle radiazioni, o dalle armi a radioonde, però qualche cosa dobbiamo fare.

Si può fare qualcosa per difendersi da tutto ciò?

Purtroppo nei nostri gruppi non ci sono medici che potrebbero aiutarci nei sistemi di autodifesa. Alcuni sistemi di autodifesa da queste armi esistono e sono anche economici, molto poco costosi, possiamo costruirli in casa. Però bisogna conoscere un po' la fisica della risonanza, e a quel punto potremmo difenderci da questi "disturbi elettrici", diciamo così, che in questa prima fase stanno provocando una narcosi di massa associata al disturbo dei cicli biologici di tutti gli esseri umani: riposo, tutti i cicli circadiani (ndr, vedi:http://guide.supereva.it/educazione_alimentare_/interventi/2003/09/142833.shtml), il cibo, il dormire. Sono tutti quanti disturbati da queste armi. Il mio punto di vista è che un'entità più o meno oscura, ma comunque riconducibile all'élite industriale degli armamenti e dei farmaci che poi, nell'occidente cristiano, è controllata dall'élite della nostra religione. Cioè dai gesuiti, sono loro, sono loro i padroni della guerra e dei farmaci. Ma dietro a loro deve esistere sicuramente un comando ancora più centralizzato, e forse soltanto approfondendo gli scopi di queste irrorazioni e dell'uso di queste a armi potremo capire meglio cosa sta succedendo.

Io ho fatto uno studio del tutto empirico, comunque lungo nel tempo, e credo che ci siano -forse avrete sentito di questi disegni nei campi di grano [ndr: crop circles, cerchi nel grano. Vedi su LMS: http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=58], che ormai vanno avanti da circa 40 anni- Ora, quei disegni nei campi di grano sono stati fatti anche in Italia, e sono stati fatti in Sardegna, in tutto il Paese. Il messaggio che questi disegni portavano, messaggi scritti nei carboidrati, nel pane, nel grano, in quello che è la base della nostra vita: il carbonio, disegni di una geometria energetica che usa come modello la struttura tetraedrica della molecola di carbonio. La molecola di carbonio è l'unica fotosensibile nel DNA umano alle variazioni della luce solare. In quei disegni, in quelle strutture, c'erano stati dati degli allarmi: sia sul fatto che noi mangiamo pane OGM, grano OGM, dagli anni '70, quindi mangiamo grano sterile, ma soprattutto queste scritture sulla superficie della Terra ci avvertivano, già nel (19)97, ci avvertivano che il pericolo per la nostra specie proveniva dal sole, e proveniva dalla radioattività. Tanto è vero che una di queste scritture la fecero all'interno del poligono di guerra di cui avete sentito parlare recentemente, dove hanno sperimentato gli armamenti all'uranio e "piacevolezze" di questo genere.

Ora, ovviamente queste informazioni sono quanto mai, diciamo così, indefinibili o vacue. Per me hanno un significato preciso: siamo stati avvertiti! Siamo stati avvertiti dal 1987 fino agli anni più recenti. Gli ultimi avvertimenti erano i più estremi, erano gli incendi sul 38° parallelo vicino a Palermo, a Canneto di Caronìa, sul 38° parallelo che è quello dove sono cominciati i terremoti in Giappone, e a Ginestra Fiorentina, qui vicino a casa vostra, nel 2004 e nel 2005 con incendi di natura inspiegabile o quantomeno da definire, della rete elettrica e della rete idrica. Cioè quelle cose che noi pensiamo siano le ultime al mondo che possano prendere fuoco.


Per saperne di piùwww.tankerenemy.com 


(*) ndr: 
Le onde cerebrali
Onde Delta: h
anno una frequenza tra 0,5 e 4 Hertz e sono associate al più profondo rilassamento psicofisico. Le onde cerebrali a minore frequenza sono quelle proprie della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell'abbandono totale. In questo senso vengono prodotte durante i processi inconsci di autogenerazione e di autoguarigione.

Onde Theta:
 la loro frequenza e' tra i 4 ed i 8 Hz e sono proprie della mente impegnata in attività di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda. Il sogno ad occhi aperti, la fase REM del sonno (cioè, quando si sogna). Nelle attività di veglia le onde Theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una capacita' immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla creativita' e alle attitudini artistiche.

Onde Alfa:
 hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz e sono associate a uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero. Le onde alfa dominano nei momenti introspettivi, o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso. Sono tipiche, per esempio, dell'attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di meditazione, yoga, taiji.

Onde Beta:
 hanno una frequenza che varia da 14 a 30 Hz e sono associate alle normali attività di veglia, quando siamo concentrati sugli stimoli esterni. Le onde beta sono infatti alla base delle nostre fondamentali attivita' di sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli che provengono dal mondo che ci circonda. Per esempio, leggendo queste righe il vostro cervello sta producendo onde beta. Esse, poi, ci permettono la reazione più veloce e l'esecuzione rapida di azioni. Nei momenti di stress o di ansia le beta ci danno la possibilita' di tenere sotto controllo la situazione e dare veloce soluzione ai problemi.

Leggi tutto qui, fontehttp://www.olotropica.it/Onde_Cerebrali.htm  Estratto da http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=print&sid=4405
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

Romina Power, tweet nella notte: "Italia spacciata, colpa di quel veleno" le fobie di Mario Valenza!

Il Tweet di Romina Power.
Dopo il tweet di Romina Power il numero di sciacalli prezzolati facenti parte della disinformazione di Stato e del Cicap non ha perso tempo per fare quello che andava fatto, tergiversare,mistificare,capovolgere,ridicolizzare e offendere con commenti fuori luogo,non sono mancati neanche i professionisti delle mie scarpe!
Mario Valenza,professione Troll pennivendolo prezzolato a cottimo da Il Giornale.

Pennivendoli prezzolati dei giornalini  di regime pagati a cottimo si sono inchinati a novanta gradi (facendo capire anche il loro bel partito) di fronte a una situazione che invece che incuriosirli,costoro,hanno preferito "alleggerire" il tutto con frasi deliranti e fuori luogo, si nasconde che Romina è americana e che certe questioni le sa molto bene,dato che in qualche Tg americano se ne parla. Il Mario Valenza "che in questo caso di (Valenza) ne ha veramente poca"
Mario Valenza! Ma vai per grilli vah! 
 si diletta furbamente in giochi di parole senza molto senso,parla del partito di Grillo,e mischia questioni ambientali con questioni politiche. La verità va detta! Caro pennivendolo prezzolato che ti inchini a novanta davanti al tuo direttore, altro leccaculo del politico,il problema è mondiale,il problema è che ci sedano e ci avvelenano. Onde E.l.f  varie strategie militari atte sempre per fare cassa, business su business vengono attuati giornalmente a spese nostre! Pennivendolo abbiamo capito di che partito sei,continua tranquillamente nel tuo operato,non indagare mai su questioni serie,perché per certe questioni ci vogliono le palle, e tu caro prezzolato,non le hai. Auguri.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

Un consigliere comunale dell' Aquila cerca di fermare le scie chimiche. "Poteri forti nascondono la verità,ma io non ho paura!"

 Arriva una notizie ufficiale che farà sicuramente tremare le nocche delle dita e i capelli "prezzolati" di qualche "pennivendolo" asservito al sistema marcio, a qualche bislacco e squallido disinformatore di regime. Arriva la notizia che un consigliere dell'Aquila, Ermanno Giorgi chiede al governo di fare chiarezza sulla problematica mondiale della geoingegneria, "le scie chimiche", ha aperto un'interrogazione sulle scie chimiche chiedendo sopratutto di informare i cittadini sulle conseguenze che esse portano alla loro salute. Quello delle scie è un fenomeno diffusissimo a livello mondiale, e i cieli dell’Aquilano certamente non fanno eccezione. Vogliamo che il governo dica la verità perché i cittadini hanno il diritto di sapere.  «È la prima volta», afferma Giorgi, «che da un’istituzione pubblica arriva un’esortazione di questo genere al governo. Non si capisce perché di questo fenomeno si parli soprattutto sul web e mai nelle aule istituzionali. È particolarmente importante che a stimolare questo dibattito sia la città dell’Aquila, il capoluogo della Regione verde d’Europa. Tutti coloro che affermano che le scie siano da ricondurre a fenomeni di condensazione dicono una sciocchezza, che può essere confutata facilmente sul piano scientifico. Se fosse così, il fenomeno dovrebbe verificarsi in un clima freddo ad almeno
8000 metri di altitudine, mentre gli aerei che lasciano le scie si incrociano ad altezze molto più limitate. Non si capisce, inoltre, quale sia la provenienza di questi mezzi, che immaginiamo si possa tuttavia ricondurre ad aeroporti militari». Un uomo saggio e coraggioso finalmente in ambito politico cerca di fermare sporchi business militar farmaceutici ai danni sull'essere umano per il profitto delle case farmaceutiche,che invece di scoprire nuove cure per certe malattie usa i propri profitti per sponsorizzarsi e per far ammalare le popolazioni inconsapevoli,crimini perpetrati per anni in modo indisturbato da chi sa di avere il coltello dalla parte del manico. I business di queste case farmaceutiche sono molteplici e passano dai comuni farmaci che vediamo sponsorizzati continuamente nelle tv di regine, ai vaccini farciti di formaldeide, mercurio e allumini destinati ai nostri figli per potersi garantire cosi un futuro profitto su di loro quando saranno in età adulta. Stiamo assistendo in questi giorni poi, all'intasamento degli ospedali per via "si dice" di un virus intestinale , informazione paravento data dai medici, usata come scusa dalla classe medica per giustificare il loro business,infatti alcuni di questi sintomi semmai dovrebbero verificarsi in primavera con il cambio di stagione, e non in inverno.I sintomi dell'influenza intestinale sono molto diversi, dato che in questo caso si percepisce un'infiammazione alle vie aeree anche se non molto accentuata,si percepiscono poi dei dolori non solo a livello dell'addome,ma anche ai reni,per non parlare del mal di testa insopportabile,in pratica ci si sente come se ti avessero smontato e poi rimontato pezzo per pezzo,come lo so? Ha pizzicato anche me! Ma ho resistito,non prendo e non prenderò mai farmaci,non contribuirò mai a favore di questi criminali! Intanto un grazie sentito al sig Giorgi, speriamo che sia la volta buona.              
 P.S: Il post originale dal titolo: «Giorgi porta in consiglio comunale le “scie chimiche” » è apparso sul quotidiano online Il  Centro  dove ogni giorno puoi trovare le ultime notizie dell'area geografica relativa a L'Aquila.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

26 febbraio 2016

Infiammazione: 5 rimedi naturali

 L’infiammazione acuta è la naturale risposta immunitaria del nostro organismo al danneggiamento dei tessuti. Quando cadiamo dalla bici per esempio la ferita si gonfia, si arrossa e la senti infiammata. Questo è segno che il tuo sistema immunitario sta lavorando sulla ferita inviando globuli bianchi per riparare il tessuto. In questo caso l’infiammazione è positiva. Senza di essa non riusciremmo a guarire la ferita e rischieremo di morire.
– L’infiammazione cronica invece è la risposta immunitaria del nostro organismo ad una raffica di fattori inquinanti ambientali, fisici e mentali che si presentano come cattiva alimentazione, prodotti chimici, tossici e stress che attaccano e avvelenano il nostro corpo. Quando il nostro corpo viene colpito da tutto questo il nostro sistema immunitario e’ sovraccarico di lavoro e confuso e non riesce piu’ a fare la differenza tra noi e le tossine che inquinano il nostro corpo. Cosi nell’intento di eliminarle ci priva di energia e distrugge ed elimina anche le nostre cellule sane insieme a quelle danneggiate.


Il risultato? Stanchezza cronica ed un corpo fertile per ogni genere di malattie. 

Alcune cause dell’infiammazione cronica

L’infiammazione cronica è la conseguenza di numerosi fattori e abitudini, tuttavia la maggior parte di essi sono sotto il nostro controllo e possiamo evitarli o sostituirli. Dai un’occhiata a questa lista. Qualcosa ti suona familiare?
  • Cattive scelte alimentari come: alimenti raffinati, troppi prodotti di origine animale (quelli prodotti negli allevamenti sono i peggiori) bevande ricche di zucchero, grassi trans e l’eccesso di alcol.
  • Problemi di salute intestinale
  • Allergie alimentari
  • Infezioni croniche (batteri, virus, lieviti, parassiti)
  • Stress e stanchezza
  • Stile di vita sedentario
Ci sono numerose altre cause, tuttavia queste sono le maggiori. Tutte queste cose, a lungo termine, mettono a rischio la tua salute.

Le conseguenze dell’infiammazione cronica

Con l’andare del tempo l’infiammazione cronica logora il sistema immunitario, il che porta a malattie croniche e altri problemi di salute, tra cui cancro, asma, malattie autoimmuni, allergie, sindrome del colon irritabile, l’artrite, l’osteoporosi ecc. Il tuo corpo inoltre appare molto più vecchio dei tuoi anni effettivi.
Purtroppo, questo tipo di problemi vengono spesso trattati solo con farmaci e chirurgia, pratiche che possono dare un sollievo temporaneo dai sintomi, ma che non vanno a trattare la radice del problema.
Inoltre, questi farmaci (ed i loro effetti collaterali) a volte sono in grado solo di aggiungere altri problemi di salute.


I seguenti suggerimenti ti aiuteranno a ridurre l’infiammazione naturalmente. Prova questi suggerimenti per alcuni giorni e nota come ti senti. Come sempre, la cosa più importante da ricordare per ottenere risultati soddisfacenti è la costanza.

Come ridurre l’infiammazione cronica

1. Mangia più cibi, interi, nutrienti e a base vegetale
Sostituisci gli alimenti infiammatori di cui ti ho parlato (zucchero raffinato e farina, cibi spazzatura – raffinati, i prodotti animali, etc.) e aggiungi una varietà di cibi integrali a base vegetale nella tua dieta. Assicurati che prima di arrivare nel tuo piatto il cibo non abbia fatto più di 2 o 3 passaggi.
Questi alimenti invaderanno il vostro corpo con le vitamine, i minerali, gli antiossidanti e le fibre di cui ha bisogno per nutrire la tue cellule e ridurre l’infiammazione cronica.

2.Focalizzati sulla salute dell’intestino
Se il tuo intestino è in cattive condizioni il sistema immunitario anche si trova in guai seri.
Un ottimo modo naturale per iniziare a prenderti cura di esso è consumando un cibo probiotico al giorno.
3. Individua e affronta le intolleranze, le allergie alimentari e le infezioni croniche (o nascoste).
Ignorare intolleranze alimentari e infezioni può essere controproducente. Se il tuo corpo combatte per eliminare questi fattori sicuramente questa battaglia alimenta l’infiammazione su base regolare.
Glutine, soia, latticini, uova e lievito sono tra i più comuni allergeni che potrebbero allertare il sistema immunitario ogni volta che ci si siede a tavola, questo perché sono alimenti di cui spesso e volentieri si abusa il consumo. Queste allergie possono essere identificate con un esame del sangue.
Ascolta il tuo corpo e tieni conto dei tuoi sintomi quando sei a tavola. Puoi scoprire eventuali cibi che ti danneggiano facendo attenzione alle reazioni del tuo corpo dopo ogni pasto.
Potrebbe essere necessario eliminare per un determinato periodo un cibo del quale hai abusato per poi reinserirlo in seguito come piccola parte di una dieta varia. A seconda dello stato di intolleranza tuttavia potresti anche dover non mangiare mai più i cibi ai quali risulti intollerante o allergico. Approfondisci questo discorso con il tuo medico.
Un’altro fattore di cui tenere conto è l’infezione cronica (batteri dannosi, virus, lieviti, parassiti).
Questi esseri potrebbero essere nascosti nel tuo corpo appena “sotto il radar” e potrebbero trascinare il sistema immunitario verso il basso.
Ci sono diversi test per individuarli, uno di questo è analizzando le proprie feci. Un controllo del genere ti aiuterà a creare un piano per eliminare l’infezione e ridurre cosi anche l’infiammazione.
4. Rilassati e riposa di più


Il tuo corpo lavora per ripristinarsi e riparare le tue cellule durante il sonno. La maggior parte degli esperti consiglia sette-otto ore di sonno a notte. Se dormi poco danneggi considerevolmente il tuo sistema immunitario e l’infiammazione lo mette a dura prova.
Lo stress va di pari passo con la mancanza di sonno e un’altra lunga lista di cose presenti nella nostra vita quotidiana. Purtroppo, quando sei stressato spesso, produci anche grandi quantità di cortisolo, ormone che favorisce infiammazione.
L’infiammazione cronica, si può ridurre notevolmente concentrandosi sulla riduzione dello stress, sia attraverso un buon sonno che grazie a pratiche come lo yoga, la meditazione, le lunghe passeggiate, meno tecnologia, una vacanza o un ritiro anche di soli 2 giorni soli con se stessi.
5. Riduci le tossine nei tuoi prodotti: alimentari, per la casa e per la cura personale
E’ molto dannoso per il nostro organismo assorbire sostanze chimiche, tossiche e pesticidi attraverso il tubo digerente e la pelle.
Riduci l’esposizione a queste sostanze mangiando cibi biologici, quando possibile e scegliendo prodotti per la cura della persona e per la pulizia non-tossici. 
Ci sono molti altri modi per ridurre l’infiammazione cronica, ma questi cinque suggerimenti sono un ottimo punto di partenza.
P.S. Se hai trovato utile questo articolo diffondi il messaggio, usa i pulsanti qui sotto per condividerlo con i tuoi amici e conoscenti.


macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

La Ghiandola Pineale: come decalcificarla e disintossicarla.

L’obiettivo principale è l’attivazione della Ghiandola Pineale. Dobbiamo risvegliare il nostro Terzo Occhio. Come fare?
Ci sono due processi da seguire per decalcificare la Ghiandola Pineale. Il primo è quello di fermare qualsiasi calcificazione posteriore della ghiandola pineale causata da fattori come lo stile di vita o ambientali, per esempio, il fluoruro, ecc.
Il secondo è quello di lavorare sulla riduzione e l’eliminazione delle calcificazioni esistenti.
pineale 1
La chiave per fermare la calcificazione della ghiandola pineale è, primo, identificare la causa della calcificazione e, secondo, fermare queste fonti.
FASE 1
In generale, sono la dieta di una persona (cibo/bevande) e lo stile di vita le cause della calcificazione. Di seguito è riportato un elenco delle principali cause di calcificazione
  • Alogenuri: sono sostanze chimiche come il fluoro, il cloruro e il bromuro. Tutti sembrano avere effetti simili sulla ghiandola pineale, quindi è importante eliminare questi elementi dalla nostra dieta. Il fluoro è il più comune e diffuso nella nostra dieta ed è magneticamente attratto dalla pineale più che da qualsiasi altra ghiandola del nostro corpo. Nella pineale, i cristalli di fosfato di calcio formati, si accumulano. Il fluoro è presente nei dentifrici e nell’acqua di rubinetto. Si tratta di un veleno ad alta resistenza e deve essere evitato a tutti i costi. Passate ad un dentifricio libero da fluoro e bevete acqua di sorgente o acqua filtrata
  • Calcio: è una delle principali cause di calcificazione. Se si sta assumendo del calcio, è consigliabile fermarsi immediatamente. Quasi tutti gli alimenti trasformati contengono una qualche forma di calcio. L’acqua del rubinetto contiene molte sostanze calcificanti (compreso il fluoruro come detto sopra). La scelta più sana e più sicura è bere acqua di sorgente. L’acqua distillata può essere dannosa nel lungo periodo. Tuttavia, l’acqua distillata è sempre meglio di quella del rubinetto.
  • Mercurio: è dannosissimo per la ghiandola pineale a causa della sua natura tossica. Evitatelo a tutti i costi. Le otturazioni dentali  di mercurio sono tossine per la pineale e devono essere rimosse, inoltre, tutti i vaccini medici sono contaminati con il mercurio, per esempio il Thimersal (un conservante per vaccini a base di mercurio metilico) è molto difficile da smaltire una volta che è nel nostro cervello. Evitare di mangiare pesce come i gamberi e gamberetti. La carne di tonni e delfini (non capisco come si possa mangiare carne di delfino) è particolarmente dannosa in quanto contiene alte dosi di mercurio. In generale, quanto più grande è il pesce, maggiore è la concentrazione di mercurio nei loro tessuti. La buona notizia è che il mercurio può essere rimosso dal corpo con l’uso quotidiano di clorella e spirulina, ci vuole solo del tempo. Prese ogni giorno contribuiscono a rimuovere il mercurio anche dal tessuto cerebrale.
  • Pesticidi: sono dannosissimi per la pineale quindi andrebbero evitati. Sono raccomandati gli alimenti biologici freschi.
  • Altre tossine: se il nome della sostanza è difficile da pronunciare, è probabile che sia nociva. Altre tossine sono i dolcificanti artificiali (aspartame K), zucchero raffinato, phylenanine (in spremute di frutta), i numeri E, deodoranti, prodotti chimici per la pulizia, colluttori dentali e deodoranti. In generale, una dieta priva di zucchero, caffeina, alcol e tabacco non serve solo per lavare il sistema, ma anche a portare il cosidetto “kundalini”.
La dieta deve essere mantenuta per almeno 2 mesi. Se seguirete la giusta dieta, insieme con l’esercizio fisico, vi accorgerete che il vostro livello di energia aumenterà e il peso in eccesso si sciogliera lasciando chiaramente il vostro cervello dalle tossine. Questo vi darà la possibilità di concentrarvi sull’attivazione della ghiandola pineale.
FASE 2
Rimuovere la calcificazione esistente all’interno della ghiandola pineale.
La rimozione di anni di accumulo di sostanze tossiche nella vostra ghiandola pineale può essere raggiunta con un po’ di dedizione e impegno. Di seguito è presente una lista dei modi per decalcificare la vostra ghiandola pineale, insieme a quello che si dovrebbe fare:
  • Ice Skate blu Biologico Olio di pesce: Una delle più potenti sostanze naturali che si possano adottare per disincrostare la ghiandola pineale. Contiene una potente sostanza chiamata “Attivatore X”, scoperta da Weston Price.
  • Metilsulfonilmetano – MSM: sostanza molto potente per la disintossicazione generale. E’ un bene anche per i capelli, pelle, unghie e ossa.
  • Cioccolato grezzo: il cacao grezzo è fantastica per la ghiandola pineale a causa dell’elevato contenuto di antiossidanti.
  • Acido citrico: il succo di limone grezzo consumato è molto buono per la disintossicazione della ghiandola pineale. L’acido citrico anche funziona, ma il crudo succo di limone è raccomandato. Si raccomanda di prendere 3 cucchiai di acido citrico e 7 limoni biologici ogni giorno a stomaco vuoto per tre settimane. È possibile scioglierlo con acqua di sorgente in quanto l’acido citrico non è così buono per i denti.
  • Aglio: L’aglio è sorprendente per la decalcificazione, dal momento che è in grado di dissolvere calcio e agisce come un antibiotico. Ulteriori vantaggi sono che dà al vostro sistema immunitario una bella spinta. Consuma circa da mezzo spicchio a due spicchi al giorno (o più se lo si desidera). Per assicurarsi che il respiro non spaventi nessuno, si può schiacciare l’aglio e imbeverlo di miele.
  • Aceto di mele: Ottimo per disintossicare la ghiandola pineale perché contiene acido malico. E’ fantastico da mettere nel vostro cibo, è davvero ottimo.
  • Olio di Neem e origano estratto: Agisce come un antibiotico naturale contro i gusci di calcio nanobacteria che si sono creati intorno alla ghiandola pineale.
  • L’Activator X (Vitamina K1/K2): Scoperto da Weston Price, è un super-potente disintossicante, soprattutto se mescolato con vitamina A e D3 ed ha molte proprietà. Si può invertire il processo di aterosclerosi, permettendo l’equilibrio enzimatico da ripristinare. Ciò consente di rimuovere il calcio dalle arterie e altrove (cioè, ghiandola pineale) E’ vitamina naturale in due forme: K1 (fillochinone) si trova in verdure a foglia verde, K2 (menaquinones composti) è stato creato dalla microflora intestinale. E’ ottenuta anche da fonti alimentari come le carni d’organo, foie gras (/ pollo sono i migliori ), tuorli d’uovo, prodotti caseari fermentati come il formaggio o il burro (dalle mucche che mangiano in rapida crescita, verde, erba), il giapponese fermentato Natto piatto di soia (la più ricca fonte di cibo K2), crauti, oli marini, uova pesci e crostacei.
  • Boro: Il boro è un altro disintossicante e purificante della ghiandola pineale. Funziona bene anche come eliminatore del fluoruro. E’ presente nelle barbabietole e il miglior consumo è mangiare barbabietole organiche o barbabietole in polvere miscelata con acqua di sorgente o con altri liquidi/alimenti. Si potrebbe provare ad aggiungere 1/4 di cucchiaino di borato di sodio (borace) nel tè verde. Il boro può essere acquistato nei supermercati come borace comune. Il borace dovrebbe essere preso in quantità molto piccole in acqua pura, da un minimo di 1/32 a 1/4 di cucchiaino di borace per un litro d’acqua. Questa miscela deve essere consumata in piccole quantità durante tutta la giornata. E’ sicuro ed efficace.
  • Melatonina: non è definitivamente dimostrato, ma molti credono che la melatonina aiuta a rimuovere il fluoruro aumentando la decalcificazione della ghiandola pineale disintegrando la calcificazione esistente. Oltre alla somministrazione di melatonina, un sacco di attività diurna fisica e/o esercizio fisico, una dieta sana, non mangiare troppo e esercizi di meditazione/rilassamento contribuiscono alla maggiore produzione di melatonina dalla ghiandola pineale.
  • Iodio: Lo iodio è stato clinicamente dimostrato di aumentare l’eliminazione del fluoruro di sodio dal corpo attraverso le urine sotto forma di fluoruro di calcio. La maggior parte delle diete sono carenti di questo minerale vitale e si raccomanda di prendere cibo e alghe iodio integranti che combinano iodio e ioduro di potassio. Tuttavia, l’eliminazione del fluoro con lo iodio esaurisce anche la fornitura di calcio. Si raccomanda pertanto di prendere un supplemento efficace di calcio/magnesio.
  • Tamarindo: La polpa, corteccia e le foglie dell’albero del tamarindo possono essere usate per fare il tè, estratti e tinture che aiuteranno ad eliminare i fluoruri attraverso l’urina. Il tamarindo è ampiamente utilizzato nella medicina ayurvedica e ha molte proprietà salutari positive.
  • Acqua distillata: C’è una ricerca che dice che l’acqua distillata può aiutare la decalcificazione della ghiandola pineale.
Per ulteriori informazioni visitate decalcifypinealgland.com, un sito nato proprio per la decalcificazione e il risveglio del terzo occhio, cioè la ghiandola pineale.
Il sito vuole essere una risorsa integrale che contiene tutte le informazioni che dovete sapere per iniziare ad aprire il terzo occhio che ci collega con l’energia di tutto ciò che E’.
A prescindere dalla paura che pongono alcuni gruppi, è davvero un momento emozionante per essere vivi. http://blog.luniversovibra.com/  Buona Vita. 
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

Una spina dorsale bionica


Scienziati australiani mettono a punto un congegno da impiantare nel cervello

Handicap_13778.jpg
Un piccolo congegno della lunghezza di 3 cm potrebbe far tornare a camminare chi è colpito da paralisi. A metterlo a punto sono stati i ricercatori del Royal Melbourne Hospital, della University of Melbourne e del Florey Institute of Neuroscience and Mental Health, che hanno pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology i dettagli della scoperta.
Il congegno, denominato Stentrode, ha un diametro di pochi centimetri e va impiantato in un vaso sanguigno vicino al cervello. Consente il monitoraggio dell'attività cerebrale e la traduzione dei segnali in comandi. In una sperimentazione su modello animale, la «spina dorsale bionica» ha permesso il controllo degli arti. La sperimentazione su un gruppo di pecore è durata 190 giorni, durante i quali il segnale si è via via rafforzato, man mano che il tessuto attorno allo stent prendeva forma.
L'intervento dura circa 2 ore e prevede un piccolo  un piccolo taglio nel collo del paziente per l'inserimento di un catetere contenente lo Stentrode. Il congegno va poi disposto sopra la corteccia cerebrale, l'area da cui partono gli impulsi nervosi che attivano i movimenti dei muscoli volontari, dopodiché il catetere viene rimosso. All'esterno lo stent è dotato di elettrodi che colgono i segnali della corteccia cerebrale e li trasmettono a un piccolo congegno impiantato nella spalla del paziente. 

10/02/2016 Andrea Piccoli   Fonte italiasalute.it
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;