Quando il parlamento russo discusse di H.A.A.R.P e Geoingegneria!



L'11 Settembre 2002 il Parlamento russo discusse delle tecniche di controllo e manipolazione del clima utilizzate dagli USA. Di seguito la traduzione di alcuni stralci della seduta tenuta nella "Sala Grande della Duma". A fine articolo trovate il Link al documento completo, direttamente dal sito istituzionale russo; ovviamente è redatto in cirillico, ma potete agevolmente tradurlo con un traduttore.
In questa conversazione i parlamentari citano HAARP, che ricordiamo è stato smantellato in Alaska, ma nel mondo sono presenti ancora centinaia di apparecchi simili made in U.S.A.

“Cari colleghi, propongo di prendere in considerazione due risoluzioni in una sola volta, punti 10 e 11, perché sono fondamentalmente lo stesso contenuto – circa i potenziali pericoli per l’umanità per continuare degli Stati Uniti esperimenti su larga scala su un influsso mirato e potente per l’ambiente vicino alla Terra onde radio ad alta frequenza.

Stati Uniti d’America ha presentato esperimenti come “pacifici”, ma spendono i loro fondi al Pentagono nell’interesse dell’aria e forze navali. Formazione di plasma esteso artificiale e altri effetti possono essere usati non solo per rompere la radio, ma usati come un collegamento chiave nel sistema di difesa missilistico creato per influenzare l’elettronica dei veicoli spaziali, razzi, aerei ad alta quota e sistemi terrestri.
E ‘anche possibile effettuare e focalizzarsi sull’impatto sulla psiche della popolazione di intere regioni o gruppi di truppe (controllo mentale).
Inoltre, è possibile provocare un incidente in reti elettriche, oleodotti e gasdotti, e altri disastri provocati dall’uomo. Ciò che Stati Uniti sta creando è una nuova generazione, come ho detto, di armi, cosiddette “armi geofisiche integrali”
…se prima dei test di armi nucleari avevano conosciuto quello che sarebbe accaduto, le conseguenze di test a pieno regime oggi con l’installazione HAARP non può essere previsto, perché la fisica moderna non è in grado di costruire modelli di sistemi complessi come l’atmosfera, ionosfera e la magnetosfera terrestre, e contare fino alla fine del Tutte le reazioni e gli effetti quando esposti a loro.
E naturalmente, nessuno ha il diritto di creare pericolosi esperimenti su ciò che appartiene a tutta l’umanità, e ciò che determina la vita di tutte le persone nel mondo.
Pertanto, la comunità internazionale ha fatto a suo tempo il divieto di test nucleari, e ora giunto il momento di dire un sonoro “no”, per questi estremamente pericolosi esperimenti.
In primo luogo, deve essere rapidamente raggiunto il divieto internazionale in programma per il 2003 per esperimenti su larga scala sotto l’HAARP, applicando la Convenzione sulla proibizione dell’uso militare o di altra ostile di tecniche di modificazione ambientale (SCIE CHIMICHE e l’uso di antenne emananti onde ad alta o bassa frequenza).
l’energia che oggi sotto HAARP si sviluppa, è generalmente molto, molto pericoloso per il nostro paese
Riteniamo, inoltre, che il diritto di appellarsi al Presidente mettere la questione sull’avvio di negoziati per la stesura di un trattato tra la Russia e gli Stati membri a limitare la potenza dell’impatto sulla Terra e ambiente, che vieta la costruzione di nuovi impianti (HAARP), dando uno studio sull’ambiente vicino alla Terra di carattere internazionale e che vieta la creazione di integratI sistemi di armi geofisiche.
Nel secondo appello, esortiamo dialogo internazionale per cominciare, in modo che l’ONU considera già quest’anno in una riunione del Consiglio di Sicurezza sulla questione delle possibili conseguenze (e sottolineo di nuovo: nessuno può prevedere l’esito di questi esperimenti sotto la HAARP), così come inizio sviluppo di pertinenti strumenti giuridici internazionali.”
In poche parole stanno parlando dei futuri pericoli causati dalle armi geofisiche americane e dalle installazioni di apparecchi HAARP che servono ad emettere onde ad alta o bassa frequenza su tappeti di nuvole artificiali (scie chimiche) contenenti metalli elettroconduttivi…

Fonte ufficiale: "transcript.duma.gov.ru/node/1656/".

Commenti