Usare il Clima come Strumento di Potere


haarp
E’ possibile cambiare il clima di un Paese ostile? Da diversi anni Russia e Cina puntano il dito contro il progetto H.A.A.R.P.  (sistema di antenne insidiate dal 1994 nel cuore dell’Alaska), da loro considerato come una sorta di arsenale con il quale gli USA sarebbero in grado di produrre radiofrequenze e campi elettromagnetici con cui sortire effetti climatici sui territori obbiettivo.
Crediamo sia quasi inutile sottolineare quanto importanti siano le piogge e le siccità per l’agricoltura e l’industria di un Paese, ed è proprio in funzione di questo che entra in gioco l’aspetto politico e militare che, dai primi studi ai tempi attuali, ha sempre influito sulla divulgazione delle notizie relative a queste tecnologie,  e sugli utilizzi che vengono praticati nella realtà dei giorni d’oggi.
Anche in Italia si parlò di “Progetto pioggia” nella sedi Istituzionali, ma mentre gli stravolgimenti climatici e i fenomeni atmosferici  eccezionali si manifestano sempre più frequentemente, pare che anche quel che è accertato sia divenuto un tabù da evitare come la peste, onde evitare di essere tacciati di schizofrenia paranoide, complottismo e ufofobia.
Eppure risulta esistere un programma militare statunitense chiamato “Operazione Cloverleaf” che implicherebbe studi e ricerche su modificazioni climatiche, comunicazioni militari, ricerche sul buco dell’ozono e sul riscaldamento globale, finalizzati alla produzione di armi spaziali e biologiche.haarè2
Allo scopo di realizzare questo immenso progetto di dominio globale pare sia dovuta la massiccia attività di irrorazione di sostanze chimiche nei cieli da parte di tankers e droni, responsabili della produzione costante di quelle che appaiono nei nostri cieli come “scie chimiche” per i più critici e razionali, o “scie di condensazione” per le masse di cittadini ignari e fiduciosi che dall’alto possa arrivare solamente la manna dal cielo.
Attraverso lo spargimento di tonnellate di nubi cariche di ossidi di bario, stronzio, alluminio e polimeri di silicio, l’atmosfera assume caratteristiche di maggiore elettroconduttività, accrescendo la potenzialità dei radar militari e delle onde radio che possono essere anche utilizzate per portare azioni di disturbo ai satelliti avversari.
Domanda spontanea e persino banale: queste sostanze sono nocive? Si..lo sono altamente, ed è accertato che oltre il 90% dei pazienti affetti da patologie neoplastiche, neurodegenerative e disturbi della tiroide vedono nel proprio organismo la presenza costante di allumio e altri metalli pesanti nocivi.
Lo studio delle meteorologia accompagna l’uomo dagli albori della storia, ma è a Nikola Tesla, scienziato misteriosamente morto nel 1943, che vanno attribuite le scoperte fondamentali in campo radioelettrico ed elettromagnetico che ci  portano a ritenerlo il fautore della base scientifica da cui nacque il progetto H.A.A.R.P.

Aerei civili e scie di condensazione…naturalmente. Un pomeriggio come tanti nei pressi di Udine: https://www.facebook.com/rivoluzioneconAlessandrogallo/videos/1576977965895928/
L’interrogazione Parlamentare sul “progetto pioggia”: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=14&id=32347

Commenti