Le chemtrails, le scie chimiche tossiche, ci stanno avvelenando? (ARTICOLO CENSURATO)


Di Scie Chimiche: Informazione Corretta.
Da anni numerosi aerei rilasciano misteriose scie a grande altezza nei cieli del mondo lasciando una serie di scie bianchicce.

 C'è da preoccuparsi?
Nei cieli del mondo da anni si verificano dei fatti abbastanza inquietanti, degli aerei rilasciano delle scie bianche tubolari dopo il loro passaggio e queste scie per degli esperti del settore, vengono chiamate" chemtrails"
Queste scie chimiche pare siano tossiche, darebbero infatti luogo a ogni tipo di speculazione sul loro contenuto, specialmente perché gli organismi internazionali ed i governi che optarono per ignorare tutte le domande su ciò, mantenendo il silenzio, che è quello che porterebbe in certi casi, a far passare passare per "folli" le persone che denunciano quello che vedono con i propri occhi.
Perché bene, tutto indica che facciano parte di un programma di controllo climatico di impatto incalcolabile per l'ecosistema e la salute, venduto all'opinione pubblica come "mezzo inevitabile per il riscaldamento globale"
Almeno cosi denuncia anche l'associazione spagnola Terra SOS-tenible promotrice della piattaforma civica Guardacielos che ha sollecitato il parlamento europeo per una ricerca indipendente.


Nella foto Josena Fraile Presidentessa dell'associazione spagnola Terra SOS-tenible



Lo ha spiegato nel dettaglio la presidentessa nonché portavoce Josena Fraile; due decadi fa i cieli di mezzo mondo si trasformarono in enormi tele, in cui era facile vedere come delle linee bianchicce di differente longitudine e spessore con aspetto di vapore si incrociassero in spazi relativamente piccoli. Linee che sono sempre sorte -e continuano a farlo anche oggi- dietro il passaggio degli aerei, e con il risultato che in principio si credesse che non erano altro che scie di condensa provocate per i gas caldi dei motori degli aerei entrando in contatto con l'aria fredda. Tuttavia ha una strana configurazione il fatto che apparissero solo in determinati momenti, della giornata, sempre puntuali, e sempre, benché la temperatura ambientale e l'altitudine degli aeroplani fossero simili. L'enorme quantità di formazioni sorte in poco tempo e, sopratutto la presenza nelle zone dietro il loro passaggio di sostanze chimiche tossiche, facevano ammalare molti dei quali vivevano al di sotto, questo fece sospettare che non si trattasse di semplici scie di condensazione.
Fu il giornalista William Thomas che utilizzo per la prima volta nel 1999 il termine "chemtrails" abbreviazione del termine inglese chemical trail il cui significato è "scie chimiche" per riferirsi a quelle strane formazioni che oggi si sa che non sono di vapore d'acqua,ma scie chimiche tossiche dal cui studio si può concludere che...

... era un fenomeno sconosciuto fino agli anni 90.
... permane nell'aria molto più tempo della scia di condensazione.
... si verificano anche a bassa quota, quindi questo scarterebbe l'ipotesi che si tratti di scie di condensa.
successivamente questo comproverebbe che..
... successivamente appaiono nella terra materiali tossici (quali bario, alluminio e stronzio)
... nell'aumento del numero di malattie, si verificano insolite patologie e numerosi problemi ambientali.
... hanno menzionato le scie chimiche nei brevetti e nei documenti associati a progetti piloti sulla manipolazione del clima. Questo è il caso del disegno di legge "Space Preservation Act" legge presentata nel 2001 alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti che include un elenco di armi il cui divieto è proposto e, in esse si menzionano le scie chimiche.
... ci sono sufficienti evidenze che il materiale che viene lanciando dai velivoli ha come obbiettivo di ridurre l'impatto dei raggi solari e diminuire il livello del riscaldamento globale. ( Ma i motivi sono ben altri)
Ovviamente nessuna organizzazione internazionale, civile, o militare, governo o autorità istituzionale ammette niente di tutto questo.
Per saperne di più clicca segui il mio blog e la mia pagina Facebook per rimanere aggiornato, ma sopratutto aiuta e sostieni i fratelli Marcianò che da anni si adoperano a lottare questi crimini nel loro bellissimo blog: Tanker Emeny.

Commenti