Italiani colpiti da un violento virus intestinale. Ospedali presi d'assalto! Armi biologiche! Siamo tutti vittime di vigliacchi business farmaceutici.

"Cari lettori inizierò subito questo post esponendo in modo breve la pericolosità della geoingegneria clandestina con le annesse scie chimiche,aggiungerò dei link come rimedio per i danni da scie chimiche e continuerò con il parere dei medici sulla questione "virus intestinale" finendo poi con delle soluzioni di prevenzione e di cura naturale per questo presunto virus intestinale."                   
Noi siamo  esposti regolarmente a più di 100.000 sostanze chimiche. La maggior parte di esse non sono mai state testate per la sicurezza umana. Così, non è stato fatto quasi nulla per ridurre l’esposizione umana ad una miriade di sostanze chimiche pericolose. In effetti, in anni addietro l’amministrazione Bush ha smantellato molte leggi ambientali in vigore da 30 anni, per mettere le corporation al di fuori di proverbiali guai. La maggior parte di queste sostanze chimiche altamente tossiche sono invisibili; e quindi passano facilmente inosservate al nostro radar collettivo. Da più di un decennio i cittadini degli Stati Uniti e poi quelli del Canada sono stati sottoposti a un assalto di aerosol  sopra le loro teste 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana e 365 giorni all’anno, e adesso per esigenze Nato uniti a business farmaceutici noi. Queste sostanze spruzzate sono di una miscela tossica di metalli pesanti, prodotti chimici e altri ingredienti pericolosi e siccome i nostri media sono gestiti interamente dai militari,nessuna notizia viene segnalata da alcun media mainstream. L’esercito americano ha spruzzato armi chimiche e biologiche nell’aria come test sulla popolazione civile fin dagli anni 40 del novecento. Essi erano chiamati “test di vulnerabilità”. Questa non è una dichiarazione controversa. I militari hanno ammesso queste pratiche in molte occasioni e c’è un’abbondante documentazione governativa che le corrobora. Vi è anche la documentazione di intenzionali rilasci sperimentali di radiazioni sulla popolazione civile. Purtroppo, questo viene alla superficie molto tempo dopo di quando avrebbe potuto salvare molte vite, o diminuire la sofferenza delle vittime. Negli ultimi dieci anni, l’analisi indipendente delle scie chimiche in tutto il paese ha mostrato una miscela estremamente velenosa e pericolosa che include: bario, nano alluminio rivestito di fibra di vetro [conosciuto come CHAFF], torio radioattivo, cadmio, cromo, nichel, sangue essiccato, spore di muffa, micotossine fungine gialle, Dibromuro di etilene e fibre polimeriche.

Il Bario può essere paragonato come tossicità all’arsenico . Il Bario è noto per creare lesioni al cuore.La Dottoressa Hildegarde Staninger l’anno scorso ha segnalato che “l’esposizione alle emissioni aeree di nano materiali compositi provoca inibizioni della colinesterasi.”
Il corpo umano ha tre tipi di colinesterasi: del cervello, del plasma (prodotta dal fegato), e dei globuli rossi.  Un’altra persona coraggiosa è il Dottor Michael Castle che continua ad affrontare il problema della tossicità delle scie chimiche. Egli è un noto chimico dei polimeri che è stato frequentemente intervistato è ha scritto diversi articoli sui rischi estremi derivanti dalle scie chimiche. Il Dottor Castle ha scritto anche un documento pionieristico, l’Universal Atmospheric Preservation Act [UAPA].
Questo documento è stato dato al Congresso dal 2008, ma è stato annodato in commissione. L’unico modo per vedere approvato questo vitale pezzo di legislazione è quello di avere reali rappresentanti al congresso che ci rappresentino realmente (invece delle lobby imprenditoriali).
Vedi: https://anticorruptionsociety.files.wordpress.com/2010/04/the-unified-atmospheric-preservation-act.pdf  DEI RIMEDI?  CONSULTATE QUESTI LINK: DISINTOSSICANTE NATURALE : zeolite il minerale con tante caratteristiche : un Vulcano per la nostra Salute   LINK    PROTEGGERSI DALLE SCIE CHIMICHE   LINK  Scie Chimiche: Imparate A Proteggervi Da Questi Pericolosi Veleni                              

Stiamo assistendo in questi giorni a casi strani di virus intestinali che medici definiscono come "influenza intestinale" dove la definizione più comune è definita come "gastroenterite virale", che tende a colpire maggiormente bambini gli anziani o i pazienti con un sistema immunitario compromesso. Questa cosiddetta "influenza intestinale" non è da confondere con la normale influenza invernale, poiché quest'ultima colpisce principalmente l'apparato respiratorio e deriva solitamente da un'infezione virale con meno frequenze di batteri. Questa influenza avverrebbe principalmente tramite contatto orofecale, questo spiegherebbe il perché si trasmetta tra i bambini,ma non spiegherebbe in questo caso come colpisca anche gli adulti di tutte le età. Altre spiegazioni mediche indicano come ulteriore causa l'acqua e il cibo probabilmente contaminato. Le diagnosi possono avvenire solo tramite la classe medica,difatti un bel consulto dal medico o da uno specialista è fondamentale per evitare conseguenze gravi dell'infezione. Un virologo molto famoso Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università di Milano,li definisce come 'virus cugini' dell'influenza, e asserisce che questi virus intestinali siano alimentati soprattutto dalle temperature altalenanti. Le infezioni di tipo gastrointestinale sono molto diffuse specie nelle scuole e sui posti di lavoro, per questa ragione, sottolinea il virologo, è più che mai importante curare l'igiene delle mani, l'alimentazione e l'idratazione. Asserisce anche che solo con un'automedicazione consapevole e un riposo responsabile si possano superare velocemente questi malanni di stagione. Approfondendo al discorso dei virus,le famiglie di questi virus intestinali sarebbero due, e causano vari disturbi come; difficoltà digestive,diarrea,nausea,vomito malessere generale e spesso anche febbre. Il primo virus si chiama "rotovirus" molto più diffuso nei bambini,la cui infezione deriva dalla contaminazione orale con materiale fecale,il secondo ha quasi lo stesso nome,si chiama norovirus,quest'ultimo può contagiare l'acqua,i cubetti di ghiaccio,le verdure non lavate adeguatamente,carne e pesci crudi. Un elevato disturbo può diventale epidermico e non è raro che possa coinvolgere grandi gruppi di persone,sopratutto quando gli ambienti sono ristretti,come navi,crociere,scuole,autobus e via discorrendo.                                                    
Alimenti consigliati: 
 
Durante una gastroenterite virale, la digestione è solitamente difficoltosa, sia per la nausea provocata dal prosieguo della malattia che dalla funzionalità alterata dell’intestino. Il primo consiglio, perciò, è quello di provvedere sempre a un’idratazione adeguata, così da recuperare i liquidi persi con la diarrea, anche con camomilla calda per tentare di lenire i sintomi. Ovviamente, idratazione e corretta alimentazione in questo caso non sono proprio sostitutive del trattamento farmacologico stabilito dallo specialista.


In genere si prediligono cibi leggeri, facilmente assimilabili e, per quanto possibile, dall’effetto astringente. L’obiettivo non è però quello di bloccare le scariche, perché queste favoriscono l’eliminazione del virus. Di seguito, un gruppo di alimenti generalmente consentiti:

Prodotti da forno: pane tostato, grissini e cracker con poco sale, ma anche biscotti secchi, fette biscottate purché a basso contenuto di zucchero;
Primi: riso bianco bollito e non troppo asciutto, poiché l’amido ha un blando effetto astringente sull’intestino. In alternativa, pasta in bianco con pochissimo olio extravergine d’oliva;
Carni: carni bianche e al vapore, meglio se pollame, abbinate solamente a pesce dall’alta digeribilità, come il merluzzo;
Frutta e verdura: fra i frutti più consigliati le banane, perché ricche di sali minerali come il potassio e dotate di un lieve effetto astringente. Lo stesso vale anche per il limone, ma senza esagerare nelle dosi. La verdura è invece normalmente assunta bollita o al vapore, tra le più frequenti patate e carote;
Altri alimenti: formaggi stagionati e dall’elevata consistenza, come grana e parmigiano, ma anche probiotici per incentivare l’idoneo equilibrio della flora intestinale. Come facile intuire, durante una gastroenterite è bene evitare tutti quegli alimenti che potrebbero irritare ulteriormente stomaco e intestino, già particolarmente provati dall’infezione. Inoltre, anche le porzioni troppo abbondanti sono da rifuggire, poiché le funzionalità digestive sono ridotte. In linea generale, si sconsiglia:
Alimenti sconsigliati:

Primi grassi e troppo conditi, con eccessi di burro, olio ma anche di spezie. Per quanto riguarda la pasta, sarebbe da evitare il pomodoro e i suoi derivati, dal classico sugo al basilico al ragù;
Carni rosse, verdure fritte, prodotti da forno troppo ricchi di sale o di zucchero;
Bevande gassate, succhi di frutta eccessivamente acidi ma anche tisane troppo calde;
Bevande note per il potere stimolante o irritante, quali caffè e alcol.
Per agevolare il processo di guarigione, infine, è altamente sconsigliato anche il fumo. Buona prevenzione e pronta guarigione.  S.C.Informazione Corretta.

Commenti