Inizio fine File Smog... ogni anno 6,5 milioni di morti: è una strage! | Scie Chimiche: Informazione Corretta

3 luglio 2016

Smog... ogni anno 6,5 milioni di morti: è una strage!

In Italia 84.400 decessi prematuri, su un totale di 491mila a livello Ue.
Circa 6,5 milioni di decessi ogni anno legati all'inquinamento dell'aria, un numero destinato a salire significativamente nelle prossime decadi a meno che il settore energetico non intervenga con forza per ridurre le emissioni. La stima è contenuta nella prima approfondita analisi della qualità dell'aria, il World Energy Outlook, in cui l'Agenzia Internazionale per l’Energia evidenzia i legami tra energia, inquinamento atmosferico e salute. L'Aie individua il contributo che può arrivare dal settore per frenare la cattiva qualità dell'aria, "la quarta più grande minaccia per la salute umana, dopo ipertensione, cattive abitudini alimentari e fumo".
In Italia si muore di più e prima del tempo, rispetto agli altri Paesi dell’Unione europea, a causa dell’inquinamento dell’aria in città. La stima arriva dall’ultimo rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente (Aea), secondo cui il Belpease nel 2012 ha registrato 84.400 decessi prematuri, su un totale di 491mila a livello Ue.
GUARDA IL VIDEO IN ALTO
Il problema dell'inquinamento dell'aria è sentito in tutto il mondo - sottolinea in una nota l'Aie - in particolare nelle regioni povere. Nessun Paese ne é immune con un impressionante 80% della popolazione che vive in città (dove si monitora la qualità dell'aria) in cui non si raggiungono gli standard definiti dall'Oms. Secondo il rapporto, le morti premature per l'inquinamento outdoor potrebbero crescere da 3 milioni a 4,5 milioni entro il 2040, in particolare nelle regioni in via di sviluppo dell'Asia. Allo stesso tempo le morti premature per l'inquinamento domestico caleranno da 3,5 milioni a 3 milioni nello stesso periodo, sebbene continueranno ad essere collegate a povertà e all'impossibilità di avere accesso a fonti moderne di energia.
La produzione e l'uso di energia, principalmente dalla combustione non regolamentata, scarsamente regolamentata o inefficiente di carburante, sono le più importanti fonti artificiali di emissioni inquinanti - rimarca l'Aie - ovvero: l'85% di particolato e quasi tutti gli ossidi di zolfo e gli ossidi di azoto.
Milioni di tonnellate di questi inquinanti vengono rilasciati nell'atmosfera ogni anno da fabbriche, centrali elettriche, automobili, camion e dai quei 2,7 miliardi di persone che ancora usano stufe inquinamenti e combustibili per cucinare (principalmente legno, carbone e altre biomasse). Inoltre, nel documento si sottolinea come nei Paesi occidentali e in Cina si registri una riduzione di queste emissioni mentre le stesse continuino a salire in India, Sudest asiatico e Africa.
Il report presenta anche delle strategie definite su misura per le diverse circostanze regionali, al fine di offrire un'aria più pulita per tutti. Uno 'scenario' dimostra come scelte di politica energetica sostenute da un aumento di solo il 7% degli investimenti al 2040 produca un netto miglioramento nella salute. In tale scenario, le morti premature annuali da inquinamento dell'aria esterna si ridurrebbero fino 1,7 milioni nel 2040 rispetto allo scenario principale e quelli da inquinamento domestico arriverebbero a 1,6 milioni.

La strategia Aie per un'aria più pulita richiede l'attuazione di una serie di politiche: azioni per assicurare l'accesso ad attrezzature da cucina 'pulite' per ulteriori 1,8 miliardi di persone entro il 2040 al fine di ridurre le emissioni delle famiglie nei Paesi in via di sviluppo, mentre il controllo delle emissioni e il passaggio a carburanti alternativi sono cruciali nel settore dell'energia, come una crescente efficienza energetica nell'industria ed emissioni standard rigorosamente applicate al trasporto stradale.  
"Dobbiamo rivedere il nostro approccio allo sviluppo di energia, in modo che le comunità non siano costrette a sacrificare aria pulita in cambio di crescita economica", sottolinea il direttore esecutivo Aie Fatih Birol.

Nessun commento:

Posta un commento

ARTICOLO 21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.
DISCLAIMER E NOTA SULLA CONSULENZA
L’Autore del blog declina ogni responsabilita’ dall’utilizzo da parte di terzi delle informazioni qui riportate. Scie Chimiche: Informazione Corretta è un blog personale soggetto a verifica di veridicita’ dei contenuti anche se i quali vanno intesi come opinioni personali, che siano condivisibili o meno, ad unica e sola discrezione del lettore. ll presente blog, ovvero diario on line, è curato e redatto per la sola passione dell’autore. Le informazioni, analisi e commenti presenti in queste pagine web non sono da considerare, in nessun caso, un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di prodotti finanziari, né intendono rappresentare in alcun modo sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all’investimento. Il presente blog, pertanto, non ha né in maniera diretta né indiretta, finalità di lucro. Le informazioni contenute in questo blog, sono frutto di analisi e opinioni scientifiche strettamente personali che possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso. Chiunque effettui operazioni prendendo spunto dal contenuto di questo blog lo fa a proprio rischio e pericolo. Si precisa inoltre che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le immagini pubblicate su questo blog sono state reperite su internet, principalmente tramite ricerca libera con vari motori. Dunque, proprio perchè trovate liberamente sul web, sono state giudicate di pubblico dominio. In ogni caso si precisa che se qualcuno, potendo vantare diritti su immagini qui pubblicate, avesse qualcosa in contrario, può scrivere al nostro indirizzo di posta elettronica sciechimiche@gmail.com per chiedere la rimozione delle stesse, rimozione che nel caso verrà immediatamente effettuata. L’autore del presente blog, nello spirito del web inteso come libertà di espressione, consente la riproduzione parziale o totale dei suoi contenuti, purchè SE NE CITI SEMPRE LA FONTE. Le indicazioni di Analisi Tecnica, Analisi Fondamentale e qualsiasi altra natura, presenti su questo sito, potrebbero essere errate per un qualche motivo non voluto e non rappresentano in alcun modo un invito all’investimento. Chi segue questi consigli lo fa cosciente di tutti i rischi e se ne assume la totale responsabilita’. Inoltre si tiene a sottolineare che questo non è un blog di CONSULENZA in quanto non vengono fornite delle raccomandazioni personalizzate, senza poi dimenticare che è impossibile effettuare delle considerazioni d’investimento personalizzate basate sulle caratteristiche e sul profilo dell’utente/lettore. Si ricorda che una raccomandazione NON è personalizzata (e quindi non si tratta di consulenza) quando viene diffusa al pubblico e viene espressa in modo generico.
NETIQUETTE

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o qualunque altro materiale che possa violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l’utente verrà immediatamente e permanentemente escluso (e il tuo provider verrà informato). L’indirizzo IP di tutti i messaggi vengono registrati per aiutare a rinforzare queste condizioni. L’utente concorda che l’Amministratore di questo Blog ha il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere i topics qualora si ritenga necessario.
Questo è un BLOG e non una TESTATA GIORNALISTICA
«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.